Alberto Paloschi si racconta ai piccoli calciatori del Milan Junior Camp

Alberto Paloschi si racconta ai piccoli calciatori del Milan Junior Camp A.C. CATTOLICA CALCIO s.r.l.

Allegati

23/giu/2008 17.30.00 Creattiva Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

 

 

 

 

 

 

A.C. CATTOLICA CALCIO s.r.l.

 
 

 

 

 

 


Comunicato  18 giugno 2008

 

“MILAN JUNIOR CAMP”

 (Cattolica, 15 giugno – 12 luglio 2008)

 

Il giovane prodigio rossonero Alberto Paloschi

si racconta al Milan Camp

 

A tu per tu con iragazzi, il campione ha rivelato "sono bravo in matematica".

 

Non esiste un calciatore cheincarna meglio i valori e lo spirito di cui si fa promotore il Milan Junior Camp.Alberto Paloschi, classe 1990, è ritornatooggi lunedì 23 giugno allo stadio Calbi di Cattolica, per incontrare nuovamentei giovani talenti che hanno solo qualche anno meno di lui.

 

Alberto Paloschi è stato subitoattorniato dai ragazzi del Milan Camp, entusiasti di poter rivolgergli domandee chiedergli curiosità sul suo passato e sul suo presente rossonero. AndreaMaldera, vice di Filippo Galli nelle giovanili del Milan, rimane con i piccolia dialogare con il campione e di volta in volta puntualizza l'importanza dialcuni pensieri espressi da Paloschi.

 

Il primo tra tutti è riferito allascuola. "si è vero, a scuola sono bravo, soprattutto in matematica"dichiara Paloschi a una domanda da parte di una madre. Maldera puntualizzasubito: "A Milanello la prima cosa è la scuola e lo studio. Dopo viene ilresto. I nostri ragazzi vengono seguiti anche da questo punto di vista".

 

Parlando del suo passato, Paloschidichiara: "da piccolo ero juventino, seguivo il mio idolo che è Inzaghi.Poi ho iniziato a giocare e sono approdato alle giovanili del Milan e sonoriuscito a giocare insieme a lui". Venendo poi ai "segreti di unattaccante", incalzato dal mister e dai bambini, Paloschi rivela che"la costante di un attaccante è fare goal e per questo bisogna calciare inporta tutti i giorni. Alla fine dell'allenamento, mi mettevo sempre con ilmister a provare alcuni tiri, solo così si può migliorareprogressivamente".

 

Di fronte a decine di campionirossoneri in miniatura, ha infine dichiarato: "mi sembra un po' dirivedere me stesso quando iniziavo il mio percorso... Dopo dovranno affrontareduri sacrifici, ma questa del resto è l'essenza dello sport".

 

Sul suo futuro prossimo, ilgiocatore non si sbilancia."Mi piacerebbe rimanere al Milan. Il miodestino dipenderà anche da come verrà condotto il calcio mercato della squadra...".

 

Al termine della lunga chiacchieratale foto di rito con gli allenatori e i partecipanti del Milan Camp, davveromolto emozionati di poter farsi ritrarre accanto a un loro beniamino.

Le sorprese per i giovani ospitidi Cattolica non sono finite, in programma gia per mercoledì è in programma unavisita all’Acquario di Cattolica per un viaggio alla scoperta del mondosottomarino.

 

 

[Il giovane campione rossonero,che ha debuttato nel febbraio di quest’anno nel campionato di serie A conla maglia del Milan, è un esempio cristallino di classe e freschezza, un vero eproprio ragazzo prodigio. ]

 

 

Per informazioni e iscrizioni in vista dei prossimi turni,consultare il sito www.milanjuniorcamp.com oppuretelefonare al numero 348 8027370.

 

 

più tardi saranno inviate alcuneimmagini dell’incontro con i ragazzi

 

 

Ufficio dicomunicazione Cattolica calcio – Creattiva

Tel. 0541709792 – Fax 0541 708015

E-mail: creattiva@creattiva.info - www.creattiva.info

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl