Progetto Tanzania, la solidarietà riparte da Legnaia: nuova missione in Africa per Cooperativa e Università

Il secondo anno di vita del il Progetto Tanzania, promosso dalla Cooperativa Agricola di Legnaia, in collaborazione con le onlus Pangea di Scandicci e Amici dei Missionari del Preziosissimo sangue e con la Facoltà di Agraria dell'Università di Firenze, per sostenere le strutture missionarie del Villaggio della Speranza di Dodoma e dell'ospedale di Itigi, si apre con il bilancio positivo della passata stagione, in cui sono stati raccolti circa 44 mila euro, e con una nuova missione che partirà venerdì 26 settembre per il paese africano.

24/set/2008 13.08.29 Cooperativa Agricola Legnaia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato stampa

 

PROGETTO TANZANIA, LA SOLIDARIETÀ RIPARTE DA LEGNAIA NUOVA MISSIONE IN AFRICA PER COOPERATIVA E UNIVERSITÀ

 

 

 

La solidarietà riparte da Legnaia. Il secondo anno di vita del il Progetto Tanzania, promosso dalla Cooperativa Agricola di Legnaia, in collaborazione con le onlus Pangea di Scandicci e Amici dei Missionari del Preziosissimo sangue e con la Facoltà di Agraria dell’Università di Firenze, per sostenere le strutture missionarie del Villaggio della Speranza di Dodoma e dell’ospedale di Itigi, si apre con il bilancio positivo della passata stagione, in cui sono stati raccolti circa 44 mila euro, e con una nuova missione che partirà venerdì 26 settembre per il paese africano.

Il viaggio, guidato da Simone Tofani, responsabile dell’Area Tecnica della Cooperativa, a cui parteciperanno fra gli altri Alessandro Ragazzi, professore di Patologia vegetale alla Facoltà di Agraria di Firenze e rappresentante dell’Università per il progetto, Andrea Fabbri, professore di Arboricoltura generale e coltivazioni dell’Università di Parma, e l’agronomo Daniele Di Martino, originario di Ragusa, ma fiorentino d’adozione, che  lavorerà a Dodoma e Itigi per un anno, andando a dare il cambio al fiorentino Lorenzo Vita, servirà a valutare l’andamento dell’iniziativa e a programmare i nuovi interventi, legati all’incremento della produzione agro-zootecnici attivate in loco e all’introduzione di nuove coltivazioni.

“Siamo molto soddisfatti – spiega David Bocciolini, presidente della Cooperativa Agricola di Legnaia – dei risultati ottenuti nel primo anno di vita del progetto, che ci ha permesso di rivitalizzare le produzioni agricole del Villaggio della Speranza di Dodoma e dell’ospedale di Itigi, e quest’anno lo riproporremo, destinandogli sempre l’uno per mille del nostro fatturato, a cui potranno contribuire soci e Amici di Legnaia. A Dodoma è ripartita la produzione di melanzane, zucchine, peperoni e m’cicia, una sorta di bietola locale, ed è entrato in produzione una piccola realtà viticola, con uva sultanina e cardinal per i bambini della struttura. E’ stato incrementato anche il numero delle mucche e la produzione di latte, la cui eccedenza viene messa a disposizione della popolazione con distributori automatici. Il passo successivo sarà quello di far partire anche una piccola produzione casearia e di sperimentare nuove coltivazioni locali, come il riso in coltura asciutta. A Itigi ci siamo concentrati sulla coltivazione di ortaggi e sull’agrumeto.. L’aumento delle produzioni è importante per il sostentamento alle due comunità, ma anche per un eventuale vendita dei prodotti in eccedenza nei mercati locali. C’è molto lavoro che attende l’agronomo che seguirà il progetto sul posto, sia per le sperimentazioni che per la lotta ai parassiti e alle malattie che colpiscono le piante”.

Progetto Tanzania

Con il Progetto Tanzania, la Cooperativa Agricola di Legnaia si è impegnata anche a destinare l’uno per mille del suo fatturato, circa 30 mila euro annui, alla Villaggio della Speranza di Dodoma,  impegnato nella prevenzione, cura e sostegno sociale per i bambini orfani affetti da Aids o figli di genitori malati, e all’ospedale di Itigi, unico vero presidio medico in una zona estremamente disagiata, e questa cifra potrà essere incrementata da quei soci e ‘Amici di Legnaia’ che vorranno mettere a disposizione dell’iniziativa una parte dei punti fedeltà e degli sconti ottenuti facendo acquisti nei negozi della Cooperativa.

 

Firenze, 24 settembre 2008

 

L’Ufficio Stampa

349/2133482

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl