Il jazz di Danilo Rea a Cattolica

Un repertorio che spazia da grandi classici come La canzone di Marinella e Bocca di rosa a composizioni che si prestano perfettamente alla vivacità improvvisativa di Danilo Rea, come La canzone dell’amore perduto e Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers.

Allegati

18/mar/2009 13.35.23 Creattiva Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

                               Comunicato stampa 18 marzo ‘09

 

Innesti 09 - Cattolica Salone Snaporaz

«QUOTIDIANO NON DOMESTICO»

Letteratura teatro cinema fumetto musica

 

Domenica 22 marzo, ore 21.15

DANILO REA - PIANO SOLO

INTERPRETA DE ANDRÉ

 

Si avvicina la prima serata di Innesti, la rassegna del Salone Snaporaz a Cattolica, dedicata quest’anno al tema “QUOTIDIANO NON DOMESTICO†e organizzata dall’Associazione Celesterosa di Silvio Castiglioni e da Effetto Notte di Michele Cotelli con l’Ufficio Cinema-Teatro dell’Istituzione culturale della Regina (Comune di Cattolica) e con la collaborazione dell’Osteria della miseria. Domenica 22 marzo alle 21.15 salirà, infatti, sul palco Danilo Rea, straordinario protagonista del jazz italiano, che renderà omaggio al più amato cantautore nazionale, Fabrizio De André, nel decennale della scomparsa.

 

Il titolo della serata sarà Danilo Rea Piano Solo, Interpreta De Andrè. Audace improvvisatore dalla spiccata sensibilità melodica, il pianista romano rileggerà in chiave jazzistica le canzoni dell’indimenticabile Faber in un repertorio denso di rimandi e di sonorità profondamente evocative. Un repertorio che spazia da grandi classici come La canzone di Marinella e Bocca di rosa a composizioni che si prestano perfettamente alla vivacità improvvisativa di Danilo Rea, come La canzone dell’amore perduto e Carlo Martello ritorna dalla battaglia di Poitiers. Un appuntamento imperdibile per gli amanti del jazz e per gli appassionati di uno dei massimi interpreti della canzone d’autore italiana.

 

Danilo Rea – nota biografica

Danilo Rea si fa strada nell'ambiente jazzistico sino a suonare con alcuni tra i più grandi solisti statunitensi, come Chet Baker, Lee Konitz, John Scofield, Joe Lovano. Nel 1989 partecipa al lavoro di Roberto De Simone, Requiem per Pier Paolo Pasolini, rappresentato al teatro San Carlo di Napoli per la direzione di Zoltan Pesko; nello stesso anno pubblica assieme a Roberto Gatto il disco Improvvisi.

Nel 1997 dà vita, con il contrabbassista Enzo Pietropaoli e il batterista Fabrizio Sferra ai Doctor 3, un trio jazz che ormai da un decennio calca i più importanti palcoscenici del jazz italiani. Il suo disco The Tales of Doctor 3 viene premiato miglior disco di jazz italiano nel 1998, mentre il lavoro successivo The songs remain the same vince il titolo di miglior disco jazz di Musica&Dischi nel 1999.

In Italia sono numerose le sue performance nell'ambito del pop, come pianista di fiducia di artisti quali Mina, Claudio Baglioni e Pino Daniele e come collaboratore, tra gli altri, di Domenico Modugno, Fiorella Mannoia, Riccardo Cocciante, Renato Zero, Gianni Morandi e Adriano Celentano. Nel 2006 prende parte al Concerto per l'Europa, sull'isola di Ventotene, che lo vede protagonista assieme a Baglioni, Nicola Piovani e Luis Bacalov. Nella stagione 2007-2008 partecipa allo spettacolo Uomini in frac (insieme ad altri musicisti come Peppe Servillo, Fausto Mesolella e Mimì Ciaramella degli Avion Travel, Fabrizio Bosso, Furio Di Castri, Javier Girotto, Gianluca Petrella e Cristiano Calcagnile) in cui il gruppo esegue alcune canzoni di Domenico Modugno; lo spettacolo è stato allestito per festeggiare i cinquant'anni di Nel blu dipinto di blu.

Le sue improvvisazioni, che spaziano su qualsiasi repertorio, sono apprezzate durante i concerti che tiene nelle tournèe in giro per il mondo e durante i principali festival jazz.

 

Ingresso € 12,00   

Informazioni e prenotazioni:

Cattolica: Ufficio Cinema-Teatro 0541.966778 – 349 1021902; teatro@cattolica.net

 

 

Ufficio stampa

Creattiva

Tel. 0541 709792 – fax 0541 708015

creattiva@creattiva.info

www.creattiva.info

 

 

 

NOTE SULLA RASSEGNA

 

“Quotidiano non domesticoâ€intende mantenere e sviluppare il principio della commistione e della contaminazione fra linguaggi, generi e forme espressive – letteratura, teatro, cinema, fumetto e musica – curando e creando, accanto all’evento scenico propriamente detto, anche un momento di convivialità con assaggi di cibo e vino, secondo la tradizione consolidata di Innesti.

 

L'edizione di quest'anno si propone di attraversare la contemporaneità affrontando il tema dell'irruzione della quotidianità nell'arte, attraverso spettacoli che sperimentino la contaminazione tra letteratura, teatro, cinema, fumetto e musica. Quotidianità intesa come epifania delle piccole cose, che sono occasioni di sovversione dell'ordine costituito. Ci si propone quindi di indagare l'insolito quotidiano che sta sulla soglia della letteratura fantastica, quell'atto irrazionale e inspiegabile che demolisce ogni certezza logica; o quell'inaspettata sensazione perturbante che si prova fra le più domestiche pareti di casa, di fronte all’irruzione dell'indicibile, o in presenza di un atto mancato o di un lapsus; o ancora di seguire come l'inadeguato al vivere, l'inetto, il maldestro sia in grado di un doppio sguardo sulla quotidianità così da rendercela sempre più critica e allo stesso tempo avventurosa.

 

Il nostro vino quotidiano

Nello spirito delle passate edizioni di Innesti dopo ogni spettacolo apprezzeremo le virtù del Sanguis Jovis, o Sangiovese, il nostro vino quotidiano. Si dice che contenga il carattere dei romagnoli: franco, esuberante, schietto, robusto e ospitale; ruvido all’esterno ma sincero e delicato all’interno. Grazie alla partecipazione della Provincia di Rimini – Assessorato alle Attività Produttive e all'Agricoltura, alla fine di ogni spettacolo ci sarà la consueta degustazione di Sanguis Jovis di qualità, con assaggi di buon cibo. Lo riscopriremo attentamente, osservandone le differenti sfumature, nelle produzioni delle cantine Cà Perdicchi di San Paolo di Rimini; Azienda Agricola Casetta dei Frati, Modigliana; Azienda Agricola Villa Papiano, Modigliana, Azienda Agricola Villa Venti, Roncofreddo. Le degustazioni saranno accompagnate da buon cibo offerto dai soci del Consorzio della Strada dei vini e dei sapori di Rimini: Il Formaggio delle Fosse della Porta di Sotto di Mondaino, Usa la Zucca di Cerasolo-Coriano, Il Piccolo Forno Marziali di Saludecio, Azienda Agricola Il Colle di Mondaino, Azienda Agricola Il Buon Pastore di Montefiore Conca, Le Carni di Marco Migani di Rimini.

 

Infine: La mia avventura quotidiana, un laboratorio rivolto a gruppi classe e a chi desidera iscriversi, condotto da Georgia Galanti, che ispirandosi al tema della rassegna guiderà i partecipanti nella costruzione di un libro le cui pagine, scritte e disegnate, racconteranno le meraviglie, le avventure e gli incontri che possono nascondersi in una giornata qualsiasi. I materiali realizzati saranno esposti presso il salone Snaporaz. Tre incontri pomeridiani dalle 14 alle 16. Ingresso libero.

        

 

Per le associazioni

CELESTEROSA e EFFETTO NOTTE

Silvio Castiglioni e Michele Cotelli

per

l'ISTITUZIONE CULTURALE DELLA REGINA

Daniele Fabbri, Simonetta Salvetti

 

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl