Coop. Agr. Legnaia: "Vite, attenzione attacchi peronospora e oidio per Chianti e colli fiorentini"

Agr. Legnaia: "Vite, attenzione attacchi peronospora e oidio per Chianti e colli fiorentini" Comunicato stampa COOPERATIVA AGRICOLA LEGNAIA: "VITE, ATTENZIONE AL RISCHIO DI ATTACCHI DI PERONOSPORA E OIDIO" "Il clima di questi ultimi giorni ha creato le condizioni ideali per lo sviluppo di attacchi di peronospora e oidio sui filari di viti, dall'area del Chianti a quella dei Colli fiorentini".

23/apr/2009 09.43.30 Cooperativa Agricola Legnaia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato stampa

 

COOPERATIVA AGRICOLA LEGNAIA: “VITE, ATTENZIONE AL RISCHIO DI ATTACCHI DI PERONOSPORA E OIDIO”

 

 

“Il clima di questi ultimi giorni ha creato le condizioni ideali per lo sviluppo di attacchi di peronospora e oidio sui filari di viti, dall’area del Chianti a quella dei Colli fiorentini”.

Simone Tofani, responsabile dell’Area tecnica della Cooperativa Agricola di Legnaia lancia l’allarme sui possibili attacchi fungini e sulla necessità di mantenere alta la guardia per non rischiare di pregiudicare la prossima vendemmia.

“In una fase particolare dello sviluppo della vite – spiega Tofani –, con i tralci che hanno iniziato a superare i 10 centimetri, un clima caratterizzato da temperatura mite e pioggia, il rischio che si possa scatenare l’infezione è alto. Lo scorso anno, molte realtà vitivinicole del nostro territorio hanno subito una forte pressione per gli attacchi di peronospora e oidio, malattie che hanno creato diversi danni alle aziende in termini di minor produzione, per questo l’invito è a effettuare attente verifiche per valutare l’insorgenza di focolai d’infezione. Una particolare attenzione andrà rivolta ai trattamenti che inizieranno nei prossimi giorni, anche perché abbiamo visto che, di fronte alla crisi economica e all’aumento dei prezzi dei prodotti per i trattamenti e dei fertilizzati, molte imprese hanno risposto riducendo gli interventi al minimo e questo può essere pericoloso, se non si riesce a valutare attentamente la situazione”.

Peronospora e oidio, infezioni legate a un patogeno fungino, sono sempre in agguato.

“Le forme svernanti – ricorda Tofani – sono giè presenti sul terreno e sulle piante e i patogeni tendono a “risvegliarsi” in queste condizioni. La peronospora sverna sotto forma di oospora, presente nelle foglie infette cadute sul terreno e rimaste sotto la vite, che germina poi a primavera. L’oidio, invece, si ritrova in forme asessuate di cleistotecio, una sorta di corpo fruttifere che si sviluppa sulla vegetazione, e sotto forma di micelio sui rametti. Verifiche e monitoraggi, insieme ai trattamenti consueti, sono le armi migliori per non correre rischi”.

 

Firenze, 23 aprile 2009

 

L’Ufficio Stampa

349/2133482

 

 


------- End of Forwarded Message -------


Ufficio Stampa
Società Cooperativa Agricola di Legnaia
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl