Graham Cooke al Riveragolfresort di San Giovanni in M.

Allegati

18/giu/2009 18.30.16 Creattiva Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

logo

 

Comunicato n° 17 bis – 18 giugno 2009

 

 

Mr. GRAHAM COOKE AL RIVIERAGOLFRESORT PER IL

“Tee Shot” che darà l’avvio simbolico al nuovo stralcio di lavori

 

 

Mr. Graham Cooke, una delle firme più importanti a livello internazionale nella progettazione di campi da golf, è appena stato (oggi giovedì 18 giugno) sul green del Rivieragolfresort per il “Tee Shot” e cioè l’avvio simbolico ad un altro stralcio dei lavori del nuovo campo che si svilupperà su un’area piana complessivapari a 60 ettari.

 

Mr. Cooke si è dichiarato molto colpito dai luoghi del Rivieragolfresort di San Giovanni in Marignano: “Come golfista e come progettista per me è molto bello essere in un posto così affascinante – ha dichiarato –. Amo molto l’Italia e gli italiani, in particolare di questo territorio apprezzo tantissimo il cibo e il buon vino. Spero un giorno di portare anche mia moglie a visitare tutti i luoghi, bellissimi come il Rivieragolfresort, che ho realizzato in questi 21 anni di attività”.

 

Il noto progettista pratica il golf da quando aveva otto anni, ma non è mai voluto diventare professionista. In Canada lo chiamano “la leggenda” perché come dilettante ha vinto tutto e lo scorso anno ha conquistato la stagione con un “più uno” di handicap: un risultato da professionista!

 

Oggi Cooke, che ha precisato che il progetto sarà caratterizzato da un elevato numero di laghi e da tanto verde, ha dato il “primo colpo” al nuovo stralcio dei lavori dalla buca numero sette: “Normalmente è una cosa che si fa col badile, ma questa volta userò la mazza da golf”, ha commentato.

 

Ad accogliere il famoso ospite erano presenti diversi esponenti del Rivieragolfresort: Francesco Boattini per la commissione sportiva, il ragionier Minguzzi, Gianluca Giunchedi e Gianluca Ghiglione per la proprietà, Mauro Scaglioni per la direzione sportiva.

 

L’area dei lavori sarà resa tecnica dalla presenza di numerosi specchi d’acqua e mounths che pennelleranno la strategia di gioco. I grandi green, ben movimentati, saranno elemento di difficoltà anche per i giocatori con basso handycap. A completamento della struttura verranno realizzate anche sei buche executive, che saranno fondamentali per qualificare ulteriormente la Riviera golf academy. La panoramica per i giocatori risulterà molto suggestiva con la vista sui dolci pendii della Valconca ed una prospettiva visiva fino al monte Carpegna e San Marino.

 

N.B. SARANNO INVIATE LE IMMAGINI DELLA GIORNATA DIRETTAMENTE DAL FOTOGRAFO PRESENTE

 

 

APPROFONDIMENTO

 

RELAZIONE TECNICA

 

1. L’IMPIANTO SPORTIVO

Nell’area destinata all’impianto sportivo è stato realizzato:

Percorso da golf a 9 buche più 2 buche executive e relative attrezzature per la cura e il

mantenimento del manto erboso.

Campo pratica

Club House

Wellness center

Kinder Garden

 

Nel Febbraio 2009 è stato approvato un piano particolareggiato di iniziativa privata “stralcio

avanzamento a 18 buche” per una superficie complessiva di circa 60 ettari.

Gli interventi previsti nel Piano Particolareggiato sono:

1. IMPLEMENTAZIONE DELL’IMPIANTO SPORTIVO

Il Percorso da golf a 9 buche più 2 buche executive viene ampliato a 18 buche più 6 executive.

 

1.1 IL PERCORSO DA GOLF

Il percorso di gioco realizzato con il primo stralcio organico su di un’area di circa 26 ettari,

su progetto di Luigi Rota Caremoli, Golf & Garden., unico progettista italiano membro

dell’European Society Golf Architects, già omologato dispone di 9 buche campionato

par 35 di lunghezza superiore a mt. 2795. (Un campo da golf per essere omologato deve

avere un numero di buche di almeno nove con un percorso di lunghezza maggiore di

mt. 1936).

 

Con il piano di avanzamento a 18 buche verranno realizzate altre 9 buche. Il nuovo percorso, come quello già realizzato, presenta lo schema: n.2 Par 5, n.5 Par 4, n.2 Par 3 (il Par individua il numero di colpi che si devono effettuare per imbucare, e varia in rapporto alla lunghezza e difficoltà).

 

 

La numerazione delle buche è provvisoria e può variare così come la lunghezza delle buche.

L’ampiezza delle buche varia a seconda dell’altezza di taglio dell’erba. Oltre alle nuove buche verranno realizzate 6 buche executive.

 

Il percorso si può dividere schematicamente in tre aree principali:

1) Piazzole di partenza (tee) e piazzole di arrivo (green)

2) Percorso (fairways)

39 Area di separazione tra un percorso e l’altro (rought)

 

1.1.1 La costruzione di piazzole di arrivo (green)

La parte più significativa di un campo da golf è rappresentata dalle piazzole d’arrivo, sia perché su queste viene espressa la maggior creatività del percorso mediante pendenze e contropendenze, sia perché il gioco è concentrato su spazi ridotti. Ecco perciò la necessità di creare dette piazzole in modo che rispondano alle esigenze tecniche del gioco, di resistenza al calpestio. Le tecniche di costruzione richiedono di creare un’area di 700/800 mq. circa rilevata di circa 50/100 cm. rispetto al piano di campagna e collegata in modo armonioso con il

paesaggio.

 

1.1.2 Fairways

Aree ove si effettuano i colpi di avvicinamento alla buca, per realizzarli sono previsti dei movimenti di terra, sono caratterizzati dal taglio dell’erba, mantenuto attorno ai 2 cm., e

coprono nell’area di nuova realizzazione una superficie di circa ettari 7. L’altra parte del percorso è mantenuto in forma rustica (rought).

 

1.1.3 Laghetti

All’ interno dell’area dedicata al percorso golfistico verranno realizzati dei laghetti che

oltre ad assolvere la loro funzione principale, “stoccaggio d’acqua”, caratterizzano il

paesaggio e favoriscono l’insediamento della fauna.

 

1.1.4 Tipologie essenze vegetali arboree ed arbustive

Per quanto riguarda gli standard dettati dalla Normativa per la piantumazione, si fa

presente che le quantità che verranno impiantate per creare il paesaggio è superiore a

quella prevista, sia per gli alberi ad alto fusto che per gli arbusti. Le tipologie di essenze previste sono: prurus spinosa, tamerici, cornus sp., ostrya carpinafolia, philadelphia, rosae canina, lauro, corylus avellana, sorbo aucuparia, prugnolo, melo, ulivi, pescho, melograno, nespolo. Per favorire l'insediamento della fauna locale: alnus cordata e carpino betulus.

 

1.1.5 Recinzione

Nelle zone ove necessario per garantire la sicurezza degli utenti verranno realizzate delle recinzioni.

 

1.2 IL CAMPO PRATICA

Il Campo pratica della lunghezza di MT. 230, composto da 20 postazioni, in parte coperte ed

illuminate, così da consentire la pratica in qualsiasi ora e periodo dell’anno, sarà ampliato di

ulteriori 6 postazioni.

Dotato di putting - green illuminato, pitching green e bunkers di allenamento in modo da

simulare e quindi permettere l’esercizio di quelli che sono gli aspetti pratici del gioco del golf.

Con la realizzazione del nuovo manufatto in legno sarà possibile assicurare la presenza di

una postazione dotata di apparecchiature fisse per la ripresa video - didattiche e per l’analisi

computerizzata del movimento che consentiranno di effettuare Golf Clinic sia con professionisti

residenti sia esterni (italiani e stranieri) alla struttura.

 

 

 

Ufficio di comunicazione A.S. Riviera Sport – Creattiva

Tel. 0541 709792 – Fax 0541 708015 – E-mail: creattiva@creattiva.info - www.creattiva.info

Arianna De Nicolò +39 339 5312501

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl