La celiachia, malattia da scoprire: incontro con prof. Calabrò ai corsi gratuiti della Coop. Legnaia

La celiachia, malattia da scoprire: incontro con prof. Calabrò ai corsi gratuiti della Coop.

27/ott/2009 12.32.34 Cooperativa Agricola Legnaia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Comunicato stampa

 

 

LA CELIACHIA, MALATTIA DA SCOPRIRE: INCONTRO CON IL PROF. CALABRÒ AI CORSI GRATUITI DELLA COOP. AGRICOLA DI LEGNAIA

(‘La celiachia, un’intolleranza ancora poco nota”, con  Antonio Calabrò, professore di Gastroenterologia alla Clinica universitaria di Careggi e presidente del Comitato scientifico dell’Associazione Italiana Celiachia, giovedì 29 ottobre, ore 17,30 - sala assemblee del Centro agro-commerciale di Sollicciano, via Baccio da Montelupo 180 – FI)

 

La celiachia è un’intolleranza alimentare che colpisce una persona ogni 100/150 in Italia, ma di 400 mila potenziali celiaci ne sono stati diagnosticati solo 85 mila, di cui  7.881 in Toscana al 2008.

L’appuntamento con i corsi gratuiti della Cooperativa Agricola di Legnaia di giovedì 29 ottobre (ore 17,30 al Centro agro-commerciale di Sollicciano, in via Baccio da Montelupo 180 a Firenze), dedicato a “La celiachia, un’intolleranza ancora poco nota”, vedrà salire in cattedra il professor Antonio Calabrò, docente di Gastroenterologia alla Clinica universitaria di Careggi e responsabile del Centro riferimenti celiachia, oltre che presidente del Comitato scientifico dell’Associazione Italiana Celiachia.

L’incontro con il professor Calabrò, considerato autorità riconosciuta in campo internazionale nello studio della permeabilità intestinale, sarà l’occasione per approfondire la conoscenza della celiachia, i sintomi con cui si manifesta e la dieta da seguire per evitare complicazioni.

Ogni anno vengono diagnosticati circa 5 mila nuovi celiaci e ne nascono in media 2.800, con un incremento di circa il 10 %, e la conoscenza della malattia aiuta a formulare diagnosi che permettono alle persone colpite di condurre una vita normale. Solo in Toscana si è passati dai 4.309 celiaci registrati nel 2004 ai 7.881 diagnosticati nel 2008. Per curare la celiachia, attualmente, occorre escludere dal proprio regime alimentare alcuni degli alimenti più comuni, quali pane, pasta, biscotti e pizza, ma anche eliminare le più piccole tracce di farina da ogni piatto. Questo implica un forte impegno di educazione alimentare. Infatti l’assunzione di glutine, anche in piccole dosi, può procurare seri danni. La dieta senza glutine, condotta con rigore, è l’unica terapia che garantisce al celiaco un perfetto stato di salute.

Programma

Questo il calendario dei prossimi appuntamenti: 5 novembre “La dieta senza glutine e i cereali consentiti”, relatore dott.ssa Laura Chiesi, dietista all’Ospedale pediatrico Meyer: 12 novembre “Degustazione dell’olio nuovo”, relatori esperto del laboratorio Chianti Classico; 19 novembre “Visita ad un frantoio”, partenza dal piazzale della Cooperativa alle 15,30 con mezzi propri; 26 novembre “Le piante di Natale”, relatore Alberto Lanzi, agronomo Cooperativa Agricola Legnaia; 3 dicembre “Le principali operazioni di potatura”, relatore relatore Simone Tofani, agronomo resp area tecnica Cooperativa Agricola Legnaia.

 

L’appuntamento con i corsi è alle 17,30 nella sala assemblee del Centro agro-commerciale della Cooperativa Agricola di Legnaia a Sollicciano, via Baccio da Montelupo 180. La partecipazione è libera, E’ necessaria la pre-iscrizione al centralino della Cooperativa Agricola di Legnaia. Info e iscrizioni: 055/73.581.

 

Firenze, 27 ottobre 2009

 

L’Ufficio Stampa

349/2133482

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl