Amianto, il Comune vince la causa

24/set/2009 10.57.43 Virgilio E. Conti Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


Amianto, il Comune vince la causa

          
Il processo si è concluso. Il comune di Oricola ha vinto: la ditta Di Berardino è stata condannata dal Tribunale di Avezzano per inquinamento ambientale. Ecco i fatti. Il tutto ha avuto inizio con alcuni esposti di privati cittadini, che segnalavano la presenza di un’area in località "La Dacia", una ex fornace dimessa, in cui erano depositati considerevoli quantitativi di eternit e, quindi amianto, oltre a carcasse di automobili, frigoriferi ed altri rifiuti ingombranti altamente inquinanti e nocivi alla salute. Il comune di Oricola, nel carsolano, intimò al proprietario di rimuovere i materiali tossici ed inquinanti, ma il Di Berardino non ottemperò. Scattarono le indagini, corroborate anche da sopralluogo da parte del P.M. Cocco ed il responsabile del fatto fu rinviato a giudizio. Il procedimento si è concluso ed il Comune, difeso dall’avvocato Angela Cerignoli del foro di Tivoli, ha visto prevalere le proprie ragioni. Il proprietario del sito è stato condannato ad un anno e due mesi di reclusione, al pagamento di settemila euro ed alla bonifica del sito stesso che, intanto, è stato confiscato. Una condanna, ha precisato l'avvocato, «superiore a quella proposta dal P.M, poiché il giudice ha ritenuto trattarsi di un reato grave. Inoltre, il Di Berardino dovrà risarcire il comune per una somma di oltre ventitremila euro, spesi per isolare l'area, onde evitare contaminazioni».

 

 

Fonte: il Messaggero.it; Martedì 22 Settembre 2009, di Nello Maiolini

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl