Telesoccorso al Piano di Zona S3

13/apr/2011 11.03.30 salerno trading Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Il Piano di Zona Ambito S3 comunica i dati relativi al Servizio di Telesoccorso e Teleassistenza rivolto agli anziani, gestito dalla Società Cooperativa Sociale Mai Più Soli. Si tratta, in pratica, dell’installazione del terminale presso l’abitazione dell’anziano collegata alla centrale del Telesoccorso per chiamate di dialogo e di emergenza. Il servizio prevede a monte l’elaborazione di apposite schede socio-sanitarie,  indispensabili per una corretta erogazione del servizio stesso, la mappatura di tutti gli organismi del terzo settore, del volontariato  e delle risorse istituzionali presenti in ogni comune facente parte dell’Ambito del Piano di Zona S3. La Società Cooperativa Sociale Mai Più soli ha, inoltre, ottenuto la Certificazione di Qualità UNI EN  ISO 9001:2008 dei servizi socio assistenziali erogati.

Nei casi di emergenza sanitaria il servizio di telesoccorso si è rilevato indispensabile   anche quando nell’abitazione erano presenti altri familiari, poichè il più delle volte presi dall’agitazione e molto spesso dal panico, non riescono a fornire tutte le indicazioni utili ad un rapido ed efficiente soccorso creando confusione anche nel comunicare la località di intervento. Attivando la richiesta di  soccorso  attraverso la centrale operativa di telesoccorso si riescono a fornire agli operatori sanitari tutte  le informazioni necessarie per l’attribuzione del giusto codice di emergenza, le patologie di cui l’anziano è portatore e le terapie farmacologiche seguite, prima ancora dell’arrivo presso l’abitazione dell’utente. Inoltre, il continuo e costante collegamento  tra la centrale Operativa di Telesoccorso e la Centrale del 118 si è rilevata utile anche per l’individuazione immediata dell’abitazione. Infatti, la trasmissione di tutte le informazioni descrittive della zona, della casa, dei punti di riferimento principali consente agli operatori del soccorso una notevole riduzione dei tempi di intervento, poiché molto spesso le abitazioni sono collocate in zone rurali e di difficile individuazione. Inoltre, in caso di decisione degli operatori del soccorso di procedere al ricovero le informazioni relative all’anagrafica, età, sesso, residenza, patologie, eventuali allergie, sono trasmesse al Pronto Soccorso.

Il numero totale di utenti che risultano attualmente collegati alla Centrale Operativa e che usufruiscono del servizio di telesoccorso è di 130 anziani. Si tratta di 33 uomini e 97 donne. Di questi, 7 hanno meno di 65 anni; 6 fra 65 e 69 anni; 9 tra 70 e 74 anni; 18 tra 75 e 79 anni; 82 tra 80 e 90 anni, 7 oltre i 90 anni.

Gli anziani assistiti 90 vivono da soli, 20 con il coniuge, 13 con i figli, 2 con la badante, 5 con altri. Le patologie di cui sono affetti sono le seguenti: 61 di cardiopatia, 1 di broncopatia, 1 di cecità, 2 di demenza senile, 1 di depressione, 10 di diabete, 1 di epilessia, 22 di ipertenzione, 1 di Morbo di Alzaimer, 1 morbo di parkinson, 1 neoplasia, 21 con problemi di deambulazione, 2 di sordità, 1 di ulcera.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl