Villa Literno - Consiglio Comunale aperto sulle ecoballe (nota stampa in tempo reale)

Villa Literno - Consiglio Comunale aperto sulle ecoballe (nota stampa in tempo reale).

Persone Nicola Ucciero, Nicola Tamburrino, Maurizio Campopiano, Raffaele Tessitore, Saverio Misso, Giuseppe Esposito Ducenta, Franco Zaccariello, Maria Laura Mastellone, Angelo Consoli, Antonio Ciliento, Nutrita
Luoghi Giugliano in Campania, Parete, Trentola, Villa Literno
Argomenti politica, diritto, istituzioni

30/gen/2012 20.20.37 Comune di Villa Literno Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNE DI VILLA LITERNO
PROVINCIA DI CASERTA

 

NOTA STAMPA
30 gennaio 2012 ore 20.15

(NOTA BENE il Consiglio è ancora in corso)

 

Consiglio Comunale aperto sulle ecoballe,

rappresentanti delle istituzioni a confronto con i cittadini

 

Nutrita e variegata la presenza di rappresentanti istituzionali al Consiglio Comunale aperto sule eco balle, convocato dal Presidente del Consiglio Comunale Antonio Ciliento su richiesta della minoranza consiliare a seguito dei recenti episodi di combustione verificatisi presso le piazzole situate in località Lo Spesso, a cavallo dei territori di Villa Literno e Giugliano.

Presenti il Consigliere regionale Angelo Consoli, l’Assessore provinciale all’Ambiente Maria Laura Mastellone, il Consigliere provinciale Franco Zaccariello, il Vicesindaco di Trentola Ducenta Giuseppe Esposito, accompagnato dall’assessore ai Servizi Sociali Saverio Misso, l’Assessore all’Ambiente del Comune di Parete Raffaele Tessitore e il Direttore Tecnico della Gisec Maurizio Campopiano.

Dopo gli interventi introduttivi del Sindaco Nicola Tamburrino e del capogruppo di minoranza Nicola Ucciero, proprio Campopiano è stato il primo degli esterni a prendere la parola, sottolineando che il sito, di proprietà della Fibe, è tuttora sotto sequestro e la sua custodia è affidata ad un curatore giudiziario, il quale è tenuto ad informare tutti gli organi competenti su eventuali anomalie. La Gisec, invece, si occupa di tutte le procedure necessarie alla salvaguardia della sicurezza e al rispetto dell’ambiente, a cominciare dallo svuotamento dei pozzi di percolato e al monitoraggio di eventuali situazione di pericolo. “Gli enti pubblici - ha spiegato Campopiano - non possono intervenire su una proprietà privata, peraltro sotto sequestro”.

Constatata la situazione giuridica del sito, il consesso si è confrontato sulla proposta della minoranza di costituire un comitato di controllo sulla salute pubblica, che oltre ai consiglieri preveda la presenza anche di rappresentanti delle altre istituzioni (e in tal senso gli ospiti presenti hanno dato la loro disponibilità), delle forze dell’ordine e della società civile, al fine di tenere sempre sotto controllo il sito. Inoltre, dal consesso è emersa la necessità di vigilare affinché si arrivi presto alla realizzazione di un impianto di smaltimento, che liberi il territorio dalle ecoballe.

“Bisogna però rendersi conto - ha puntualizzato l’assessore provinciale Mastellone - che non sarà un percorso agevole e, quando pure si arriverà alla realizzazione di un impianto, ci vorranno anni, forse decenni, per smaltire tutte le balle”.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl