MELANOMA: LA SVOLTA È NELLA TERAPIA PERSONALIZZATA

MELANOMA: LA SVOLTA È NELLA TERAPIA PERSONALIZZATA .

Persone Tonino Pedicini, Paolo Ascierto, Antonio Brancaccio
Luoghi Italia, Sud, Napoli, Bruxelles
Organizzazioni Pascale, Fondazione Melanoma, Europarlamento, commissione UE
Argomenti medicina, oncologia, genetica

10/feb/2012 12.05.04 Francy Antonioli Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Napoli, 10 febbraio 2012 – È necessario abbreviare i tempi: le terapie innovative per il trattamento del melanoma devono essere immediatamente disponibili per i pazienti. Non si può ritardare ulteriormente l’accesso a queste armi efficaci nel combattere il tumore. La richiesta sarà presentata il prossimo aprile a Bruxelles al Parlamento europeo da una delegazione di pazienti, guidata dal napoletano Antonio Brancaccio della Fondazione Melanoma. Nel nostro Paese questa forma di cancro della pelle particolarmente aggressiva fa registrare ogni anno 7000 nuove diagnosi e 1500 decessi. “Oggi assistiamo a una svolta nel trattamento – spiega il prof. Paolo Ascierto, presidente della Fondazione Melanoma, dell’Unità di Oncologia Medica e Terapie Innovative dell’Istituto ‘Pascale’ di Napoli -. Nel 50% dei casi di melanoma è presente la mutazione di una proteina, il gene BRAF V600, che svolge un ruolo chiave nello sviluppo del tumore. Vemurafenib è la prima ed unica molecola personalizzata ad aver mostrato di migliorare la sopravvivenza in pazienti affetti da melanoma metastatico positivo alla mutazione del gene BRAF. Agisce in modo mirato sulla proteina spegnendola e bloccando così l’evoluzione del cancro. È il primo caso di terapia personalizzata di così ampia portata in oncologia. Per individuare i pazienti candidati a questo nuovo trattamento è necessario effettuare un test molecolare per verificare la presenza della mutazione del gene. Gli effetti della molecola sono visibili in pochi giorni e il paziente ne trae un beneficio immediato: gli esami mostrano infatti una regressione tumorale dal punto di vista metabolico”. Vemurafenib ha ricevuto a dicembre 2011 l’opinione positiva del Comitato europeo per i medicinali per uso umano e si attende entro breve tempo l’approvazione della Commissione europea. “Chiediamo – sottolinea Antonio Brancaccio, responsabile dell’Area Pazienti della Fondazione Melanoma – che sia consentito quanto prima l’accesso anche in Italia ai trattamenti innovativi per i pazienti affetti da questa malattia mortale. Poi a Bruxelles affronteremo anche il problema della mancanza di finanziamenti per la ricerca e la prevenzione, aspetti di vitale importanza quando si parla di queste patologie”. Di terapie mirate si discuterà domani a Napoli nel convegno “International expert panel on new melanoma pathways: The Target Therapy Approach”, promosso dalla Fondazione Melanoma e dal “Pascale”, con la partecipazione dei più importanti esperti internazionali. “L’Istituto conferma la sua capacità di attrarre ‘cervelli’ – afferma il prof. Tonino Pedicini, direttore generale dell’ospedale partenopeo -. Siamo un centro di riferimento per la lotta al melanoma non solo per il Mezzogiorno ma anche per tutta l’Italia. Il livello di eccellenza raggiunto è confermato dalla nostra produzione scientifica: ogni anno pubblichiamo circa 10 ricerche su riviste internazionali che hanno come tema proprio la terapia di questa neoplasia. E stiamo conducendo ben 12 studi che riguardano in particolare la fase metastatica della malattia”.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl