Conferenza Regione Campania: nuove opportunità di lavoro in agricoltura

Conferenza Regione Campania: nuove opportunità di lavoro in agricoltura regione campania: Nuove opportunità di lavoro per la Vendemmia 2008 con la regolarizzazione E LA TUTELA delle prestazioni occasionali, e con l'innovazione dei voucher per i compensi.

26/giu/2008 18.30.00 spotzone Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

regione campania: Nuove opportunità di lavoro per la Vendemmia 2008 con la regolarizzazione E LA TUTELA delle prestazioni occasionali, e con l’innovazione dei voucher per i compensi.

 

NAPOLI. Questa mattina, giovedì 26 giugno, alle 10.30, presso la Sala Giunta della Regione Campania in via Santa Lucia, si è tenuta la conferenza di presentazione del “Piano per la stabilizzazione del lavoro occasionale per la Vendemmia 2008, che introduce l’innovativo sistema del voucher per i compensi dei lavoratori, oltre a numerosi vantaggi, anche di natura contributiva, sia per i lavoratori che per le aziende agricole del settore viticolo.

La convenzione, sottoscritta da Regione Campania, INPS e INAIL, consente la prima sperimentazione per la regolarizzazione del lavoro occasionale di tipo accessorio nell’ambito delle vendemmie di breve durata e a carattere saltuario per l’anno 2008. Ad illustrarne i contenuti alla stampa e a gli operatori del settore sono intervenuti, l’assessore all’Agricoltura e alle Attività Produttive Andrea Cozzolino, il direttore generale della Campania dell’I.N.P.S. Luigi Bove,  la dirigente Attività Istituzionali  dell’I.N.A.I.L. Campania Donata Volino, il coordinatore dell’A.G.C. Sviluppo Attività Settore Primario della Regione Campania Giuseppe Allocca, ed il dirigente del Settore IPA della Regione Campania Antonio Irlando.

Gli obiettivi dichiarati della Regione Campania sono la regolarizzazione delle prestazioni occasionali e l’emersione del lavoro nero, offrendo opportunità di lavoro e di integrazione del reddito ai soggetti a rischio di esclusione sociale e/o inoccupati, su tutti giovani e pensionati, e assicurando loro la dovuta protezione previdenziale e assicurativa. “Con questo provvedimento”, ha infatti dichiarato l’Assessore Andrea Cozzolino, “vogliamo contrastare il lavoro nero in un settore che impiega migliaia di persone, molto spesso prive di garanzie e di tutele dal punto di vista previdenziale e assicurativo”. “Siamo - ha spiegato Cozzolino - tra le prime regioni italiane a sperimentare questo tipo di accordo. Il nostro obiettivo è estendere queste tutele anche ad altri settori del lavoro occasionale, una forma di impiego che sostiene il reddito di tante famiglie e contribuisce allo sviluppo e alla crescita di settori determinanti della nostra economia”, ha concluso Cozzolino.    

La convenzione prevede, in applicazione delle disposizioni della legge nazionale, che la remunerazione dei lavoratori avvenga mediante dei voucher, ovvero dei buoni corrispondenti ad un determinato ammontare di ore lavorative. L’imprenditore agricolo, che intende ricorrere a prestazioni di lavoro occasionale di tipo accessorio, potrà acquistare, inizialmente in forma virtuale presso le Poste Italiane, dei carnet di buoni il cui valore nominale è stato fissato nella misura minima di 10 euro. Questi buoni saranno utilizzati per pagare i lavoratori, ed il compenso sarà esente da imposizione fiscale e non inciderà sullo stato di disoccupazione. “E’ questa un’altra iniziativa per favorire la legalità e l’occupazione”, ha sottolineato il direttore regionale dell’INPS Campania, Luigi Bove.

“Il datore di lavoro può beneficiare di prestazioni nella completa legalità, con copertura assicurativa Inail per eventuali incidenti sul lavoro, senza rischiare vertenze sulla natura delle prestazioni e senza dover stipulare alcun tipo di contratto. Il lavoratore d’altro canto potrà integrare le sue entrate garantendosi una copertura assicurativa e contributiva attraverso prestazioni il cui compenso è esente da qualsiasi imposizione fiscale e non incide sul suo stato di disoccupato, di inoccupato o di pensionato”.

Quindi alcune precisazioni sul meccanismo di funzionamento del nuovo sistema in sperimentazione: “I voucher (virtuali in quanto non saranno fisicamente emessi) sono acquistabili  presso gli Uffici Postali attraverso un versamento di un importo corrispondente all’acquisto dei voucher necessar.  Il loro importo nominale è di 10 euro, dei quali il 75% va al lavoratore. In ogni fase del processo, i vari passaggi vengono registrati in un database tenuto dall’INPS, che, al termine della sperimentazione procederà a un monitoraggio dei risultati che saranno poi valutati dal Ministero del Welfare, sentite le parti sociali, per una eventuale proroga o estensione della sperimentazione”.

La Regione Campania, attraverso un Comitato di coordinamento regionale del progetto, provvederà ad un monitoraggio costante della  sperimentazione, verificando e valutando andamenti e risultati prodotti dalla nuova tipologia di rapporto di lavoro, che dal settore viticolo potrà essere estesa nel futuro anche agli altri comparti agricoli.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl