Alife(CE)- 4 Novembre la Bandiera della PACE listata a Lutto issata dal balcone di Agnese Ginocchio e Cero della Pace in memoria delle vittime di tutte le guerre

04/nov/2008 16.44.03 redazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
 
Alife(CE)- 4 Novembre non festa ma Lutto. La Bandiera della PACE listata a Lutto issata dal balcone dell’abitazione di Agnese Ginocchio in memoria delle vittime di tutte le guerre
 
Azione dirette nonviolenta svolta dalla pacifista e testimonial della Pace che ha consegnato al sindaco e istituzioni presenti il volantino diffuso dal Movimento internazionale della Pace sul 4 novembre 
 
Alife(Ce)- 4 Novembre Commemorazione dei caduti di tutte le guerre. Così si presentava lo scenario nel pieno del centro storico ovvero sul corso principale della cittadina alifana. Un’azione diretta nonviolenta messa in atto dalla testimonial della Pace Agnese Ginocchio (www.agneseginocchio.it): La Bandiera della Pace (vedi foto, autore di Andrea Pioltini ) listata a lutto issata dal balcone dell’abitazione della Ginocchio, proprio sullo stesso corso dove più tardi sarebbe passato il corteo accompagnato da istituzioni e banda musicale in direzione del monumento dei Caduti. Al passaggio del corteo intorno alle ore 13:00 la testimonial della Pace Agnese Ginocchio ha distribuito i Volantini del 4 Novembre “INUTILE STRAGE (di Mosaico di Pace)” alle istituzioni locali e al sindaco rappresentanto in questa giornata dal vicesindaco Lucantonio Guarnieri, e ha ricordato che la giornata odierna non era da celebrare come una festa ma come una giornata di cordoglio e di lutto. Questa inutile guerra, costò all’Italia 650 mila morti e un milione di mutilati e feriti, molti di più di quanti erano gli abitanti di Trento e Trieste, i territori ottenuti con la vittoria della guerra che erano gia stati concessi dall’Austria all’Italia in cambio della non belligeranza. Giolitti sostenne che questa guerra poteva essere evitata portando all’Italia Trento e Trieste mediante una neutralità concordata con l’Austria. Ma anche allora per questa guerra ci furono accordi loschi, di potere e di ingente guadagno economico da parte dei colpevoli criminali che invece permisero e quindi decretarono la sentenza di guerra. MAI PIU GUERRA!!! Pace, Nonviolenza e disarmo. Questo é il nostro motto- ha ricordato Agnese Ginocchio-4 Novembre non festa retorica dunque ma lutto per i caduti di tutte le guerre. Prima che terminasse la giornata la testimonial per la Pace si é recata in visita privata presso il Monumento dei caduti per pregare e rendere omaggio a tutti i morti della guerra ed ivi ha deposto proprio sotto la corona di alloro collocata dall'amministrazione comunale nella cerimonia che si era svolta in mattinata, il Cero bianco della Pace, in memoria del 90° anniversario della strage che seminò la prima guerra mondiale.   
   (Fonte: Comunicato stampa)
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl