Certosa in musica

Certosa in musica Ufficio Stampa 0532.419.243/244/338/452 (fax 0532.419.263) http://www.comune.fe.it/stampa ufficiostampa@comune.fe.it CERTOSA IN MUSICA - Il "Nuovo Trio di Ferrara" protagonista del secondo incontro 09-06-2010 Prosegue Certosa in Musica, la rassegna promossa da Amsefc - Ferrara in collaborazione con l'ufficio ricerche storiche del Comune di Ferrara e con gli Assessorati alla Cultura e ai Beni Monumentali.

09/giu/2010 12.40.23 Comune di Ferrara Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
CronacaComune

Ufficio Stampa
0532.419.243/244/338/452 (fax 0532.419.263)
http://www.comune.fe.it/stampa
ufficiostampa@comune.fe.it
CERTOSA IN MUSICA - Il 'Nuovo Trio di Ferrara' protagonista del secondo incontro


09-06-2010

Prosegue Certosa in Musica, la rassegna promossa da Amsefc - Ferrara in collaborazione con l'ufficio ricerche storiche del Comune di Ferrara e con gli Assessorati alla Cultura e ai Beni Monumentali. Il secondo episodio propone venerdì 11 giugno alle 18 nella sala del Commiato il 'Nuovo Trio di Ferrara'. Compongono il gruppo tre giovanissimi esecutori cittadini di età compresa tra i sedici e i diciotto anni: la violinista Lavinia Soncini, Giacomo Cardelli (violoncello) e Matteo Cardelli (pianoforte), allievi del Conservatorio Frescobaldi e già più volte premiati a concorsi nazionali e internazionali.
Una giovane formazione per due composizioni d'esordio: il 'Nuovo Trio di Ferrara' chiuderà il pomeriggio con il Trio in Sol maggiore di Debussy dopo averlo aperto con l'Op. 1 n. 1 di Beethoven. Un brano del 1795 scritto nel segno di Haydn, soprattutto per la brillantezza e
l'umorismo del movimento finale, e di Muzio Clementi; la profondità di espressione è già tutta di Beethoven, come anche alcune invenzioni armoniche rivoluzionarie nella prima parte della composizione. Il Trio in Sol maggiore, ritrovato in tempi relativamente recenti, risale al 1880 e si situa in un trimestre che per il diciottenne Debussy fu di formazione e di apprendistato, trascorso alle dipendenze di Madame Nadièzda von Meck, la protettrice di Ciakovskij, con l'incarico di insegnante privato e di musicista tuttofare: un'opera interessante per la freschezza delle idee, che rimase unica nel suo catalogo di musica da camera, incorniciata dalla grazia e percorsa da un fremito melodico incessante.
Ingresso libero e gratuito.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl