Lettera aperta dell'ass. Masieri al Ministro dell'Interno

28/giu/2010 15.36.47 Comune di Ferrara Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
CronacaComune

Ufficio Stampa
0532.419.243/244/338/452 (fax 0532.419.263)
http://www.comune.fe.it/stampa
ufficiostampa@comune.fe.it
Lettera aperta al Ministro dell'Interno

di Luciano Masieri*
28-06-2010

Egregio Signor Ministro,
l’introduzione della tessera del tifoso risponde a un’esigenza significativa: semplificare le procedure di accesso allo stadio, oggi complesse al punto da indurre molti a desistere. L’idea che sta alla base della tessera è dunque positiva e pienamente condivisibile.
Da più parti e in più sedi sono stati sollevati rilievi circa il presunto carattere di schedatura che l’operazione implicherebbe e perplessità in merito ai molteplici interessi commerciali connessi. Non intendiamo qui affrontare questi risvolti.
Ci limitiamo ad osservare che se la scelta di sottoscrivere o meno la tessera del tifoso fosse veramente libera come in teoria viene prospettata, ciascuno potrebbe in piena autonomia decidere se giovarsi dei vantaggi che indiscutibilmente il possesso comporta o rinunciare perché frenato da riserve personali. Di fatto però, vincolando il rilascio degli abbonamenti al possesso della tessera, si genera una forzatura, introducendo una sorta di obbligo surrettizio.
Inoltre, l’articolo 9 della normativa che ne disciplina il rilascio, laddove vieta il possesso della tessera ai soggetti che negli ultimi 5 anni sono stati colpiti da Daspo o condannati (anche in primo grado) per reati da stadio, in termini di diritto assume un carattere persecutorio, creando un’inaccettabile discriminazione rispetto a ciò che prescrive il nostro ordinamento giudiziario: chi subisce una condanna dopo averla scontata riacquista il proprio status di libero cittadino e non si comprende perché per gli sportivi che desiderano frequentare lo stadio si debba fare eccezione.
Infine, ma certo non meno importante, il fatto che ai tifosi sprovvisti della tessera sia vietato l’accesso al settore dello stadio riservato agli ospiti - con conseguente mescolanza e diretto contatto fra i sostenitori delle opposte fazioni - finirà inevitabilmente per creare maggiori pericoli in termini di sicurezza e complicherà notevolmente il lavoro delle forze dell’ordine, che oltretutto necessiteranno di maggiori risorse per tentare di vigilare tutto l’impianto, poiché in questo modo ogni area diviene potenzialmente a rischio.
Tutto ciò premesso, pur con la consapevolezza dei tempi ristretti, chiediamo di riconsiderare ed emendare la normativa laddove:
impone il possesso della tessera come requisito indispensabile per sottoscrivere l’abbonamento, prolunga gli effetti delle sanzioni per Daspo o reati da stadio oltre i termini delle condanne, impedisce l’accesso al settore ospite dello stadio ai tifosi sprovvisti della tessera.

Cordiali saluti.

L’Assessore allo Sport del Comune di Ferrara
Prof. Luciano Masieri

(Sottoscrivono il documento: Spal 1907 Spa - Ferrara e Gruppi organizzati della Curva Ovest)

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl