RESIDENZA MUNICIPALE Dal 15 al 21 novembre la mostra Internet for Peace nel salone dOnore

12/nov/2010 13.42.06 Comune di Ferrara Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
CronacaComune

Ufficio Stampa
0532.419.243/244/338/452 (fax 0532.419.263)
http://www.comune.fe.it/stampa
ufficiostampa@comune.fe.it
RESIDENZA MUNICIPALE - Dal 15 al 21 novembre Internet for Peace nel salone d’Onore
In mostra i volti dei costruttori di pace via web


12-11-2010

Ci saranno anche il Premio Nobel Shirin Ebadi, la blogger cubana Yoani Sanchez e il monaco birmano Ashin Mettacara tra i ritratti degli ambasciatori del progetto ‘Internet for Peace’ in mostra nel salone d’Onore della residenza municipale dal 15 al 21 novembre prossimi.
La rassegna itinerante, partita a inizio ottobre da Pisa, raccoglie una decina di immagini apparse lo scorso anno sulle pagine della rivista Wired Italia, in occasione della campagna di candidatura del web al Premio Nobel per la Pace 2010.
Autori degli scatti sono i fotografi Pier Nicola D'Amico, Alessandro Scotti, Dan Winters e Marcello Bonfanti che con i loro obiettivi hanno ritratto alcuni dei personaggi che maggiormente si sono distinti per ‘un uso della Rete capace di costruire dialogo e integrazione al di sopra di qualsiasi censura o restrizione’.
Oltre che a Ferrara, la mostra farà tappa anche a Firenze, Roma, Civitavecchia, Bari e Milano.

LA SCHEDA a cura degli organizzatori:

DIECI SCATTI PER UN NOBEL
I personaggi in mostra per Internet for peace


Dieci scatti dei fotografi Pier Nicola D’Amico, Alessandro Scotti, Dan Winters e Marcello Bonfanti scelti tra tutte le immagini pubblicate da Wired Italia a partire da novembre 2009 quando è stata ufficialmente lanciata la campagna di Internet for Peace che ha candidato Internet al Premio Nobel per la Pace 2010, per raccontare le storie di tutti quegli uomini e quelle donne che quotidianamente dimostrano come la Rete rappresenti il più grande e potente strumento di pace e democrazia a disposizione dell'umanità.

1. Shiyu Zhou è il responsabile del Consorzio Global Internet Freedom (GIFC), creato insieme ad altri volontari per combattere la censura in Cina e in Iran.
Foto di: Pier Nicola D’Amico. Fotografa atleti professionisti e top model. Per Wired Italia ha fatto un lungo viaggio per raggiungere e immortalare alcune voci di “Internet for Peace”.

2. Georgy Jakhaia, 34 anni, è un professore georgiano conosciuto online come Cyxymu. Critico con il governo russo, ha provocato involontariamente il crollo della Rete nell’agosto del 2009, quando hacker anonimi infettarono milioni di computer nel mondo per censurare il suo blog. Foto di: Pier Nicola D’Amico

3. Matt Flannery è il giovane californiano che ha creato Kiva.org, una società di micro-credito che nel 2009 ha raccolto 100 milioni di dollari per finanziare progetti in tutto il mondo.
Foto di: Pier Nicola D’Amico

4. Daniele Trinchero, chiamato Mr Wireless, lavora a un sistema di comunicazione wireless low cost. Il suo sogno è portare la sua tecnologia in Darfur e Amazzonia.
Foto di: Pier Nicola D’Amico

5.Yoani Sanchez è una giornalista cubana e autrice del blog “Generacion Y”. Ha ricevuto il premio World Press Freedom Hero perché, nonostante la censura, continua a raccontare in Rete la vita di tutti i giorni a Cuba.
Foto di: Alessandro Scotti. Ha vinto il prestigioso Premio Ponchielli per il “miglior lavoro fotografico dell’anno” con la sua inchiesta sul traffico di droga, grazie alla quale è stato anche nominato Goodwill Ambassador delle Nazioni Unite.

6.Shirin Ebadi avvocato e pacifista iraniana, ha vinto il premio Nobel per la Pace nel 2003. È la prima firmataria della campagna Internet for Peace.
Foto di: Dan Winters. Lavora per diverse riviste americane, da Esquire a Wired al New York Times Magazine. Celebri i suoi scatti a personalità come Al Gore, Barack Obama e il Dalai Lama.

7.Ory Okolloh è un’attivista kenyana. Ha fondato Ushahidi (“testimone” in lingua Swahili), una piattaforma web che registra e raccoglie le testimonianze di violenze e disastri naturali utilizzando messaggi di testo e Google Maps. Foto di: Pier Nicola D’Amico

8.Saed Nashef è nato quarant'anni fa a Gerusalemme Est. Venture capitalist, sta lanciando un fondo per finanziare startup a Ramallah. Perché, secondo lui, non può esserci pace senza sviluppo. Foto di: Pier Nicola D’Amico

9.Ashin Mettacara è un monaco buddista birmano di 27 anni. Ha usato il suo blog per raccontare a tutto il mondo ciò che la dittatura militare nasconde. Per questo è costretto a vivere in esilio, ma tramite la sua “Buddha FM Online Radio” continua a raccontare la realtà della Birmania.
Foto di: Marcello Bonfanti, fotogiornalista italiano. Ha vinto il terzo premio nella categoria Arts and Entertainment al World Press Photo del 2005 con il suo lavoro sulle drag queen cubane.

10.Rima Qureshi è a capo del progetto Ericsson Response, un programma che fornisce le apparecchiature per le comunicazioni in caso di emergenza in tutto il mondo.
Foto di: Marcello Bonfanti
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl