Restyling area chiesa S.Andrea

Restyling area chiesa S.Andrea Ufficio Stampa 0532.419.243/244/338/452 (fax 0532.419.263) http://www.comune.fe.it/stampa ufficiostampa@comune.fe.it RIQUALIFICAZIONE - Il sindaco all'inaugurazione incontra gli allievi della media Boiardo Concluso il restyling dell'area adiacente alle rovine della chiesa di S.Andrea 12-11-2010 "Abbiamo ora a disposizione un'area più rispettosa non solo delle rovine di questo storico monumento ma anche della vostra scuola".

12/nov/2010 15.41.42 Comune di Ferrara Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
CronacaComune

Ufficio Stampa
0532.419.243/244/338/452 (fax 0532.419.263)
http://www.comune.fe.it/stampa
ufficiostampa@comune.fe.it
RIQUALIFICAZIONE - Il sindaco all'inaugurazione incontra gli allievi della media Boiardo
Concluso il restyling dell'area adiacente alle rovine della chiesa di S.Andrea


12-11-2010

“Abbiamo ora a disposizione un’area più rispettosa non solo delle rovine di questo storico monumento ma anche della vostra scuola.” Così il sindaco Tiziano Tagliani, accompagnato dall’assessore alla Mobilità e Lavori pubblici Aldo Modonesi e dal presidente della Circoscrizione 1 Girolamo Calò, ha concluso oggi il suo incontro con alcuni allievi della scuola media M. M. Boiardo, spettatori e protagonisti al contempo dell’originale cerimonia che si è svolta di fronte alla loro scuola. L’occasione era quella dell’inaugurazione ufficiale dell’opera di riqualificazione delle aree scoperte di via Camposabbionario adiacenti alle rovine della chiesa di S.Andrea.
La sistemazione vede ora un nuovo percorso pedonale sul lato destro della via - a completamento di quello giù esistente nel parco pubblico - per condurre in sicurezza all’ingresso della scuola, una cintura verde a prato attorno ai resti delle rovine e il consolidamento murario delle tre cappelle laterali diroccate della chiesa mediante l’installazione di centine lignee. Il tutto valorizzato da una diversa regolamentazione delle opportunità di parcheggio.
Una piccola intervento, ma necessario in una zona molto degradata caratterizzata dalla presenza di ruderi di grande importanza storica e frequentata quotidianamente da tanti scolari. E proprio dai ragazzi, interessati attraverso i loro insegnanti alle vicende della chiesa di Sant’Andrea, era giunto circa due anni fa all’allora presidente della Circoscrizione Leonardo Fiorentini l’invito a risolvere le problematiche del monumento. Un contatto e una promessa sfociati nei lavori di riqualificazione e di messa in sicurezza dell’area, il tutto grazie ad un finanziamento dalla Circoscrizione 1 e a un progetto dell’architetto Federico Bonacci dell’assessorato comunale alla Mobilità e Lavori pubblici. Due mesi di lavoro con l’utilizzo, tra l’altro, anche di lastre e bordi di trachite recuperati dal materiale storico dei magazzini comunali e finalmente la cerimonia inaugurale. L’appuntamento con il sindaco è stata poi anche per i ragazzi che avevano formulato le premesse del progetto, ormai liceali, l’occasione per raccontare il loro percorso di approfondimento e per un ‘passaggio di testimone’. Così è avvenuto, con l’impegno formale dei giovanissimi e dei loro insegnanti a proseguire e tramandare a loro volta lo studio della complessa vicenda del monumento di Sant’Andrea, strettamente legata agli eventi storici e artistici ferraresi.
“Si tratta di un intervento piccolo ma educativo che adesso affidiamo a voi e ai proprietari delle case circostanti - ha detto il Sindaco ringraziando i ragazzi per la loro iniziativa e intraprendenza - Questa esperienza deve insegnarvi a non avere paura che gli amministratori siano 'completamente sordi', così infatti non è. A questo proposito mi impegno, purtroppo senza darvi un termine, a continuare sulla strada dell’adozione di questa chiesa e a mettere mano alle rovine per arrivare ad un consolidamento e ad una maggiore fruibilità di questa preziosa testimonianza storica della nostra città.”

LA SCHEDA - Obiettivi dell’intervento
L’intervento era finalizzato al recupero delle aree degradate circostanti le rovine della chiesa di Sant’Andrea con realizzazione del nuovo percorso pedonale sul lato destro di via Camposabbionario.
L’obiettivo principale dei lavori era quello di recuperare, nell’interesse collettivo, una preziosa area urbana caratterizzata dall’importante testimonianza storica delle rovine della chiesa di Sant’Andrea, da troppi anni in stato di degrado e incuria.
» Descrizione dell’intervento
L’area dell’intervento è collocata in via Camposabbionario dal civico 11 al civico 13 e va dal parco pubblico già realizzato all’angolo tra via Camposabbionario e via Coperta fino al lotto di pertinenza della scuola media Dante Alighieri.
I lavori sono stati condotti nel rispetto delle tre linee d’intervento prioritarie:
1. la realizzazione del percorso pedonale sul lato destro di via Camposabbionario a completamento del percorso esistente nel parco pubblico in angolo fra via Camposabbionario e via Coperta, fino
all’ingresso della scuola media Dante Alighieri;
2. la regolamentazione dell’uso a parcheggio nella zona in oggetto con l’obiettivo di salvaguardare l’area strettamente connessa alle rovine della chiesa;
3. la bonifica dell’area strettamente adiacente alle rovine della chiesa, con la realizzazione di una cintura verde a tutela del monumento.
Nello specifico:
Il nuovo marciapiede che fiancheggia via Camposabbionario è stato pavimentato con lastre e bordi di trachite recuperate dal materiale storico dei magazzini comunali e riprende visivamente l'effetto del marciapiede opposto della via. Inoltre si raccorda con il vialetto esistente nel parco e con l’ingresso ciclo-pedonale della scuola adiacente mediante slarghi ad andamento curvilineo pavimentati con ciottoli di recupero. Nella realizzazione dei marciapiedi è stata posta la doverosa attenzione all’abbattimento delle barriere Architettoniche.
L'area antistante al civico 13 è stata realizzata con spaccato bianco di cava che esalta il contrasto cromatico con la cintura verde che circonda il monumento. In quest’area sono stati ricavati, n° 5 stalli per parcheggio ad uso pubblico con pavimentazione in calcestruzzo rigato e bordi in trachite. L’uso a parcheggio dell’area sarà formalizzata da un’apposita Ordinanza e indicata da specifica segnaletica.
L'area strettamente interessata dalle rovine delle cappelle laterali e della facciata è delimitata con paracarri in marmo di recupero e paracarri in ghisa collegati con catena. Sono stati eseguiti lavori di consolidamento murario delle tre cappelle laterali diroccate, che sono state opportunamente protette per evitare l'accesso improprio mediate l’installazione di centine lignee autoportanti che riprendono le forme delle cappelle stesse.
Attorno alle rovine della Chiesa è stata realizzata una cintura verde di tutela al monumento, che tuttavia si presta agevolmente a futuri e auspicabili interventi di restauro del monumento stesso. L’area verde a prato è sopraelevata rispetto al piano dei camminamenti e piantumata con Bosso, arbusti di rose e dotata d’impianto d’irrigazione.
Infine, sarà a breve collocata la segnaletica turistica che si uniformerà ai modelli già collocati per i principali monumenti della città.



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl