ARCHIVIO STORICO COMUNALE Marted 23 l'inaugurazione della mostra 'Nuvole di storia'

In occasione dell'inaugurazione, martedì 23 novembre alle 16,30, Roberto Roda, curatore della mostra assieme a Enrico Trevisani, terrà con conferenza e con videoproiezione dal titolo "Trincee tra le nuvole - la grande guerra nell'immaginario del fumetto d'autore".

19/nov/2010 14.37.12 Comune di Ferrara Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
CronacaComune

Ufficio Stampa
0532.419.243/244/338/452 (fax 0532.419.263)
http://www.comune.fe.it/stampa
ufficiostampa@comune.fe.it
ARCHIVIO STORICO COMUNALE - Martedì 23 l'inaugurazione della mostra documentaria
'Nuvole di storia': la Grande Guerra raccontata a fumetti


19-11-2010

Tra fiction e ricostruzione storica la Grande Guerra è stata spesso fonte di ispirazione per fumettisti italiani e stranieri. A darne prova è l’ampia carrellata di tavole che dal 23 novembre al 21 dicembre prossimi sarà in mostra all’Archivio storico comunale, per il secondo degli appuntamenti espositivi dedicati al racconto del primo conflitto mondiale, attraverso varie forme di documenti e testimonianze.
In occasione dell’inaugurazione, martedì 23 novembre alle 16,30, Roberto Roda, curatore della mostra assieme a Enrico Trevisani, terrà con conferenza e con videoproiezione dal titolo “Trincee tra le nuvole - la grande guerra nell’immaginario del fumetto d’autore”.

LA SCHEDA a cura degli organizzatori

“NUVOLE DI STORIA - la grande guerra nella narrativa a fumetti”
Mostra documentaria a cura di Enrico Trevisani e Roberto Roda
23 novembre - 21 dicembre, Archivio Storico Comunale.

Il fumetto costituisce un’ideale enciclopedia dell’immaginario collettivo ma l’immaginario non è mai estraneo alla storia. Di questa si nutre e, a sua volta, ne è condizionato. Un excursus, parziale e senza pretese di esaustività, come quello che qui si presenta, dovrebbe evidenziarci i luoghi comuni ricorrenti su cui si è formata l’immagine post-bellica della Grande Guerra. In realtà, la scelta di opere di alcuni fra i più importanti autori del fumetto italiano e straniero mostra, che a partire dagli anni ’60 - ’70, la frequentazione del luogo comune diventa marginale a favore di un raccontare sempre più animato dalla sperimentazione e dalla volontà di fare storia. Si possono così scorgere due diversi indirizzi narrativi. Il primo è quello dove il fumetto conserva il suo status di racconto d’avventura e di fiction: l’eroe di turno attraversa la Storia incontrando personaggi realmente esistiti e assistendo ad eventi realmente accaduti. Si muove cioè, in un mondo pertinentemen te ricostruito nelle ambientazioni come accade a Mac lo straniero, uscito dalla fantasia di Sacconi e D’Antonio negli anni ’80. A volte l’intreccio tra fiction e ricostruzione storica diventa pretesto per complesse riflessioni e introspezioni su questioni storiche, etiche, antropologiche. E’ questo, per esempio, il caso del racconto Saint-Acheul ’17, realizzato da Sergio Toppi nel 1975 per la rivista Linus o del recentissimo racconto breve di Tamiazzo sulla censura di guerra.
La seconda tendenza, evidenziata in questa mostra, è quella cara in Italia alla tradizione del “Corriere dei Ragazzi” e del “Giornalino” in cui l’evento storico reale, in genere microstorie ma anche sintesi di argomenti di maggiore respiro, vengono raccontate a fumetti con evidenti finalità didattiche. Esempi significativi di questa tendenza narrativa sono le realizzazioni di Tacconi per il Sogno di Icaro, la storia a fumetti dell’aviazione pubblicata dal Giornalino nel 1994.




blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl