intervento del sindaco in portofranco

Fatto salvo che per aprirlo è necessaria la piena correttezza formale degli atti e il rispetto dei vincoli ambientali e di salute dei cittadini, Lei è d'accordo sulla linea che dice: basta discariche, aumentare la differenziata al 50% e nuovo termovalorizzatore?

07/gen/2008 05.20.00 Comune di Ferrara Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
CronacaComune

Ufficio Stampa
0532.419.243/244/338/452 (fax 0532.419.263)
http://www.comune.fe.it/stampa
ufficiostampa@comune.fe.it
Una domanda al Direttore della Nuova


07-01-2008

di Gaetano Sateriale

Gentile Direttore, ho letto il suo fondo di domenica e non sono riuscito a capire una cosa. Per cui ho pensato di chiedergliela direttamente, fuori da ogni polemica. Pacatamente e serenamente, come si usa dire.
La domanda è questa: Lei è d’accordo sulla necessità di aprire il nuovo termovalorizzatore di Hera oppure no? Fatto salvo che per aprirlo è necessaria la piena correttezza formale degli atti e il rispetto dei vincoli ambientali e di salute dei cittadini, Lei è d’accordo sulla linea che dice: basta discariche, aumentare la differenziata al 50% e nuovo termovalorizzatore? Perché Lei cita i comitati e il fatto che abbiano ragione a fare ricorso contro (presunte) scorrettezze contenute nell’Autorizzazione della Provincia. Bene, ma i comitati che ricorrono non vogliono che il nuovo forno parta per nessun motivo. Non vogliono solo la correttezza formale degli atti, che comunque è un obbligo e non un’opzione: non vogliono proprio il termovalorizzatore.

Mi scusi se la domanda può apparire semplificata e un po’ brutale, ma il punto vero sta qui: è necessario o non è necessario il nuovo termovalorizzatore di Hera? Se sì, a quali condizioni si può autorizzarne il funzionamento?
Leggo anche oggi su “Repubblica” una posizione precisa di Eugenio Scalfari (che condivido): la terribile emergenza della Campania si può risolvere solo con la raccolta differenziata e nuovi termovalorizzatori. Ma il concetto si può anche rovesciare: per evitare di finire in emergenza come la Campania (anche noi dobbiamo smaltire 260.000 tonnellate annue di rifiuti senza aprire nuove discariche) è necessaria più raccolta differenziata e bisogna che parta un nuovo termovalorizzatore (che rispetti i vincoli ambientali posti). Questa è la posizione del Comune e della Provincia. I Comitati e Beppe Grillo sono contro l’apertura, a prescindere. Mi piacerebbe capire quale è la posizione sua e del suo giornale su questo punto. La ringrazio.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl