Mostra di chitarre al museo del Risorgimento e della Resistenza

La rassegna, dal titolo "Cento modi per dire: Chitarra", prosegue il ciclo "Guitar Gallery" in occasione del Ferrara Buskers Festival ed è promossa dall'Assessorato alla Cultura e dal Centro Etnografico del Comune di Ferrara, oltre che dal Comune di Cento, dalla Scuola di Artigianato artistico del Centopievese e dall'associazione Musicisti di Ferrara.

22/ago/2008 10.49.16 Comune di Ferrara Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
CronacaComune

Ufficio Stampa
0532.419.243/244/338/452 (fax 0532.419.263)
http://www.comune.fe.it/stampa
ufficiostampa@comune.fe.it
Al museo del Risorgimento e della Resistenza
In mostra chitarre storiche e singolari


22-08-2008

Sono modelli unici e irreplicabili quelli delle chitarre di Diego Alberti che saranno in mostra dal 25 agosto al 7 settembre nella sala espositiva del museo del Risorgimento e della Resistenza. La rassegna, dal titolo “Cento modi per dire: Chitarra”, prosegue il ciclo “Guitar Gallery” in occasione del Ferrara Buskers Festival ed è promossa dall’Assessorato alla Cultura e dal Centro Etnografico del Comune di Ferrara, oltre che dal Comune di Cento, dalla Scuola di Artigianato artistico del Centopievese e dall’associazione Musicisti di Ferrara.
Curata da Giovanni Intelisano, Roberto Formignani e Massimo Caselli, l’esposizione offre ai visitatori l’opportunità di ammirare una collezione dai tratti originali, nata dalla scelta di Alberti di non raccogliere “quegli strumenti blasonati che nel tempo hanno subito ben poche modifiche diventando spesso stupende repliche di se stessi”. Al contrario, le sue chitarre non verranno mai più ricostruite, dal momento che i loro laboratori di produzione non esistono più. Diego Alberti è “alla ricerca dell’”anima” delle sue chitarre, quell’anima che esse hanno immagazzinato per anni all’interno di una cassa armonica, di un pick up, di un manico e che, passando di mano in mano, sono stati a volte il punto di arrivo di centinaia di musicisti”.
L’inaugurazione è prevista per lunedì 25 agosto, alle 17.30. La mostra potrà poi essere visitata, a ingresso libero, dal 26 al 29 agosto, e dal 2 al 7 settembre, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18. Sabato 30 e domenica 31 agosto l’orario pomeridiano sarà prorogato sino alle 20.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl