Jazz club: dal 3 ottobre la nuova stagione musicale al torrione

24/set/2008 15.32.20 Comune di Ferrara Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
CronacaComune

Ufficio Stampa
0532.419.243/244/338/452 (fax 0532.419.263)
http://www.comune.fe.it/stampa
ufficiostampa@comune.fe.it
Dal 3 ottobre il nuovo programma di concerti del Jazz club Ferrara
Sonorità di grandi artisti per festeggiare dieci anni di jazz al torrione


24-09-2008

Una nuova stagione di grande jazz, tra le mura di uno spazio di impareggiabile fascino. Il Jazz club Ferrara festeggia i dieci anni di matrimonio con il torrione di San Giovanni, scegliendo ancora una volta nomi illustri del panorama musicale internazionale per il calendario di serate che prenderà il via dal prossimo 3 ottobre.
Programmata con il contributo del Comune e della Regione e con il patrocinio della Provincia, la nuova rassegna del club ferrarese prevede una novantina di date, fino alla prossima primavera, per soddisfare tutti gli estimatori del genere, con proposte che spaziano dalle sonorità del passato a quelle di ultima composizione. E invariata, anche per quest’anno, resterà la formula che vede, oltre al classico calendario dei concerti del venerdì e del sabato sera, con artisti di fama italiana e internazionale, anche la proposta del lunedì sera con i concerti gratuiti di “Happy go lucky local”, riservata ai nomi emergenti dello scenario musicale locale.
“Un ricco programma – ha sottolineato stamani in conferenza stampa il presidente del Jazz club Andrea Firrincieli – reso possibile, come sempre, dal sostegno, non solo economico, delle istituzioni locali”. “La promozione di manifestazioni legate alla musica jazz – ha confermato a questo proposito l’assessore regionale alla Cultura Alberto Ronchi – è uno dei progetti culturali prioritari della Regione Emilia Romagna e l’attività compiuta in questi ultimi anni ha portato alla nascita e al consolidamento di tante diverse realtà legate fra loro in tutto il territorio. Fra queste il Jazz club Ferrara, ormai conosciuto come uno dei principali punti di riferimento per gli appassionati del genere in Italia, e a cui la Regione continuerà ad offrire il proprio supporto, con un contributo annuo di 40mila euro”. Finanziamento che si aggiunge, a quello di circa 60mila euro erogato dal Comune di Ferrara. “Il Jazz club – ha dichiarato l’assessore comunale alla Cultura Massimo Maisto – rest! a uno dei punti di eccellenza della nostra città e il raggiungimento di un traguardo significativo come quello dei dieci anni di attività al torrione dimostra proprio la solidità e la capacità di guardare avanti di questa realtà culturale, da sempre fulcro e motore di una serie di collaborazioni con numerosi soggetti del territorio”.
“Diverse infatti – ha confermato il direttore artistico di Ferrara in Jazz Francesco Bettini – saranno le collaborazioni che anche per la nuova stagione arricchiranno il cartellone degli appuntamenti. Da quella con il festival Internazionale, per i concerti del 3 e 4 ottobre, a quella con il Festival Jazz di Bologna, per le serate dal 7 al 15 novembre. Mentre il rapporto ormai consolidato con il Conservatorio Frescobaldi proseguirà con varie iniziative didattiche e concertistiche”.

Il Jazz club è aperto nelle serate di lunedì, venerdì e sabato dalle 20, i concerti iniziano alle 22 (ingresso riservato ai soci, affiliazione Endas). Per informazioni contattare il numero 339.7886261 o consultare il sito www.jazzclubferrara.com.

Scheda a cura dell’Ufficio stampa del Jazz club
I “secondi dieci anni” dei concerti del Torrione partono venerdì 3 ottobre, con un appuntamento che rientra nelle iniziative del festival Internazionale di giornalismo. Sarà il trio di Marcin Wasilewski ad aprire le danze del primo trimestre di programmazione, che spazierà dalle dolci melodie della voce di Alice Ricciardi (sabato 4 ottobre) al potente sax di Jerry Weldon (venerdì 10); dalla sonorità inconfondibile della chitarra di Brad Shepik (sabato 11) alla classe di Gianni Basso (venerdì 17). Non mancheranno le big band, come la Thelonious Monk Big Band diretta da Marcello Tonolo (sabato 18), e nemmeno le grandi voci d’oltreoceano, come quella di Karrin Allyson, a Ferrara con il suo quartetto per presentare il suo ultimo lavoro discografico (venerdì 24).
Vengono poi i lieti ritorni, come nel caso di Carlo Atti, a capo di un gruppo di all star composto di cinque giovani leoni del bop italiano (sabato 25), e i virtuosi della Grande Mela, come David Sanchez (venerdì 31).
Novembre si apre con Mônica Salmaso, voce e percussioni, già ammirate negli anni passati (sabato 1), alla quale farà seguito la serie di concerti in collaborazione con il Festival Jazz di Bologna. Il palinsesto di fine novembre e dicembre vede poi grandi musicisti del calibro di Matt Wilson, Javier Versher, Phil Markowitz, Michael Blake, Jamie Saft, Scott Hamilton, Steve Turrè intervallati dalle migliori vocalist in circolazione, quali Erin Bode e Patrizia Laquidara.
Accanto ai concerti del venerdì e del sabato, continua la formula ad ingresso gratuito (con tessera Endas) dei lunedì al Torrione. Sotto la sigla di “Happy go lucky local” suoneranno in sequenza Jaruzelski’s Dream, il quintetto di Giuliano Perin, Silvia Donati, il quartetto di Andrea Ferrario, Jürg Wickihalder, Piero Bittolo, Francesco Bigoni, Markelian Kapedani e i T.R.E. di Alessandro Giachero.

PROGRAMMA DA OTTOBRE A DICEMBRE

Venerdì 3 ottobre
Concerto in collaborazione con il Festival di “Internazionale”
“January” - Marcin Wasilewski Trio
Marcin Wasilewski, piano; Slawomir Kurkiewicz, basso; Michal Miskiewicz, batteria
Scoperti da Tomasz Stanko, con il quale tuttora dividono sia i palcoscenici internazionali che le sale di incisione, i componenti della band hanno già alle spalle oltre un decennio di storia musicale comune. Anni segnati dagli esordi nelle etichette indipendenti polacche fino alla definitiva consacrazione nel giro che conta con l’approdo all’ECM. Per la prestigiosa etichetta discografica bavarese, Wasilewski e compagni, hanno recentemente registrato il cd “January” riscuotendo subito notevoli consensi dalla critica internazionale.

Sabato 4 ottobre
Concerto in collaborazione con il Festival di “Internazionale”
“Comes Love” - Alice Ricciardi 4et
Alice Ricciardi, voce; Pietro Lussu, piano; Paolo Benedettini, basso; Andrea Nunzi, batteria
Milanese di nascita, Alice Ricciardi ha intrapreso un tirocinio in piena regola sotto la guida di interpreti come Roberta Gambarini, Tiziana Ghiglioni e Rachel Gould. Un percorso formativo che le ha permesso di forgiare le timbriche della sua voce, bianca più della neve, tenace come l’acciaio, molto disciplinata. Il suo Cd “Comes Love” spazia nel repertorio classico della canzone d’autore americana. Accompagnata da un gruppo di musicisti di tutto rispetto Alice Ricciardi illumina l’universo delle interpreti degli standard.

Lunedì 6 ottobre
“El Gallo Rojo” e “Improvvisatore Involontario” presentano
Jaruzelski’s Dream
Piero Bittolo Bon, sassofoni; Stefano Senni, basso; Francesco Cusa, batteria
Il trio vede la presenza di tre delle colonne portanti dei collettivi “El Gallo Rojo” e “Improvvisatore Involontario” per la prima volta impegnati in un progetto comune. “Jaruzelski’s Dream” è formato dal polistrumentista Piero Bittolo Bon, solista e compositore onnipresente nei più svariati progetti del “Gallo Rojo”, da Stefano Senni, uno dei più richiesti bassisti della scena italiana (Enrico Rava, Marco Tamburini, Giovanni Guidi) e Francesco Cusa, collaboratore stabile di Gianni Gebbia, Paolo Sorge e del collettivo letterario “Wu Ming”.

Venerdì 10 ottobre
Jerry Weldon 4et
Jerry Weldon, sax tenore; Massimo Faraò, piano; Aldo Zunino, basso; Byron Landham, batteria
Veterano sassofonista newyorchese, Weldon è noto per la lunga militanza nell’orchestra di Lionel Hampton e per le collaborazioni con Cedar Walton e George Cables. Negli anni, grazie alla spiccata vena soul jazz, ha preso parte a diversi organ group con tutti i massimi specialisti del genere da Jack McDuff a Jimmy McGriff, Dr.Lonnie Smith e Joey De Francesco. Proprio con Joey ha modo di suonare con Byron Landham, impeccabile batterista di Philadelphia. Completano il quartetto due dei più stimati jazzisti italiani.

Sabato 11 ottobre
“Places You Go” - Brad Shepik Trio
Brad Shepik, chitarra; Gary Versace, organo; Tom Rainey, batteria
Chitarrista dallo stile e dalla sonorità inconfondibili, Shepik ha collaborato con le storiche band di Paul Motian, Charlie Haden, Carla Bley e Joey Baron. Il suo ultimo lavoro discografico “Places You Go” (Song Lines, 2007), che si può considerare di diritto una delle migliori rivisitazioni di sempre della classica formula dell’organ trio, lo vede in compagnia di due eccellenti sideman come l’organista Gary Versace (John Scofield, John Abercrombie e Matt Wilson) e il batterista Tom Rainey (Kenny Werner, Bill Frisell e Tim Berne).

Lunedì 13 ottobre
Giuliano Perin 5et Featuring Neil Leonard
Neil Leonard, sassofoni; Giuliano Perin, vibrafono; Marcello Tonolo, piano; Luciano Milanese, basso; Massimo Chiarella, batteria
Pianista e vibrafonista attivo da oltre vent’anni, Giuliano Perin ha suonato e inciso con i migliori musicisti italiani (Gianni Basso, Dado Moroni e Fabrizio Bosso) e stranieri (Claudio Roditi, Paul Jeffrey e Dave Samuels). Attualmente si propone con il progetto “Flexibility”, dal titolo del suo secondo lavoro discografico (Caligola) che Perin presenterà al pubblico del Torrione accanto a Marcello Tonolo, Luciano Milanese, Massimo Chiarella, e al poliedrico sassofonista statunitense Neil Leonard (Marshall Allen, Bruce Barth e Don Byron).

Venerdì 17 ottobre
“The Sound!” Gianni Basso 5et
Gianni Basso, sax tenore; Barend Middelhoff, sax tenore; Oscar Zenari, piano; Marc Abrams, basso; Massimo Chiarella, batteria
Classe 1931, Gianni Basso può vantare collaborazioni con alcuni dei più importanti jazzisti di sempre quali Billie Holiday, Chet Baker, Lee Konitz, Gerry Mulligan, Zoot Sims, Art Farmer e Johnny Griffin. Classe, stile e conoscenza delle profondità del jazz ne fanno un interprete di massima autorevolezza. Un ritorno a Ferrara, forte del sostegno del trio di Oscar Zenari e della presenza del sassofonista tenore Barend Middelhoff, per un omaggio al sound di Stan Getz, da sempre il principale riferimento stilistico del maestro astigiano.

Sabato 18 ottobre
Thelonious Monk Big Band. Special Guest: Roberto Rossi
Marcello Tonolo, Direzione; Roberto Rossi, trombone e conchiglie; Maurizio Scomparin, Gastone Bortoloso, Ilic Fenzi, Stefano Mazzucco, trombe; Beppe Calamosca, Toni Costantini, Leo Virgili, Matteo Morassut, tromboni; Nicola Fazzini, Piergiorgio Caverzan, Michele Polga, Alberto Vianello, Mauro Bordignon, sax; Riccardo Chiarion, chitarra; Matteo Alfonso, piano; Marc Abrams, basso; Luca Colussi, batteria
Attiva da oltre dieci anni la big band è diretta da Marcello Tonolo, che ne cura anche gli arrangiamenti e dalla cui penna ne nascono le composizioni originali. Preziosa palestra per solisti in via di affermazione, la big band ha dimostrato una forte vitalità concertistica collaborando con straordinari arrangiatori come Carla Bley e Steve Swallow. In occasione del concerto per “Ferrara in Jazz” la T. M. Big Band avrà il piacere di ospitare in veste di principale solista il trombonista Roberto Rossi, massimo specialista italiano del proprio strumento.

Lunedì 20 ottobre
El Gallo Rojo presenta Standhard 3io & Silvia Donati
Silvia Donati, voce; Alfonso Santimone, piano; Alessandro Fedrigo, basso; Gianni Bertoncini, batteria
Silvia Donati è apprezzata negli ambienti jazzistici per le sue straordinarie qualità interpretative. Il suo personale approccio al canto la rende una delle artiste più interessanti dell'odierna scena musicale italiana. La felice unione di Silvia con lo Standard 3io, ha dato luogo al cd “Cocktail Saturno” (El Gallo Rojo, 2008) in cui accanto ai brani originali di Santimone e Fedrigo, i testi sono della Donati, troviamo le composizioni di autori provenienti dai più svariati ambiti musicali come Steve Coleman, i Radiohead, Bill Frisell, Steve Wonder e Tom Jobim.

Venerdì 24 ottobre
“Imagina” - Karrin Allyson 4et
Karrin Allyson, voce; Rod Fleeman, chitarra; Ed Howard, basso; Todd Strait, batteria
Eccezionale interprete vocale e versatile pianista, giunta al decimo cd per la nota etichetta discografica “Concord Jazz” e ottenute diverse nomination al Grammy, Karrin Allyson è unanimemente riconosciuta stella di prima grandezza nel panorama del jazz americano. La band, impreziosita della presenza del veterano chitarrista e arrangiatore Rod Fleeman, propone un repertorio che ruota attorno al mondo degli standard, del blues, della bossa nova e del be bop, forte di un interplay, una classe e una leggerezza d’altri tempi.

Sabato 25 ottobre
“The Best Thing For You” - Carlo Atti – Emanuele Basentini 5et
Carlo Atti, sassofoni; Emanuele Basentini, chitarra; Pietro Lussu, piano; Vincenzo Florio, basso; Marco Valeri, batteria
Cinque giovani leoni del bop italiano, riuniti assieme per presentare il recente album “The Best Thing For You” (Red Record, 2008). In front line due tra i massimi solisti in circolazione accompagnati da una delle ritmiche più affidabili della Capitale, per un jazz vibrante e coinvolgente, memore della lezione dei grandi maestri del jazz moderno ma nel contempo attualissimo. In scaletta prevalgono gli standard ma la personalità e l’autorevolezza con cui vengono affrontati dona a ogni brano una palpabile freschezza interpretativa.

Lunedì 27 ottobre
Andrea Ferrario 4et
Andrea Ferrario, sax tenore; Davide Fasulo, piano; Alessandro Lo Mele, basso; Marcello Molinari, batteria
Progetto musicale che propone arrangiamenti di standards e musiche originali e che vede un front man di livello quale Andrea Ferrario. Ferrario ha collaborato con Max Roach, Kenny Barron, David Murray, Paolo Fresu e ha fatto parte della Civica Jazz Band di Milano di Enrico Intra. Con lui Davide Fasulo, il pianista e direttore dell’orchestra Pangea, Alessandro Lo Mele, già con Piero Odorici, Paolo Ghetti, Tommaso Lama e il batterista Marcello Molinari, collaboratore di Nico Menci, Annibale Modoni, e Alan Farrington.

Venerdì 31 ottobre
In Collaborazione con il Conservatorio di Puerto Rico”: “Cultural Survival”
David Sanchez 4et
David Sanchez, sax tenore; Lage Lund, chitarra; Orlando Le Fleming, basso; Henry Cole, batteria
Sanchez si è formato musicalmente nella nativa Puerto Rico, ma è a New York che si è imposto a livello internazionale. Tra le sue collaborazioni segnaliamo quelle con Dizzy Gillespie, Eddie Palmieri, Paquito D’Rivera, Charlie Haden e Gonzalo Rubalcaba. Il coronamento della sua prestigiosa carriera è avvenuto lo scorso anno con la vittoria del Grammy Award per il miglior album latin jazz. Si presenterà a Ferrara accompagnato da tre giovani talenti della scena newyorchese con i quali ha inciso l’album “Cultural Survival” (Concord, 2008).

Sabato 1 novembre
Mônica Salmaso Trio
Mônica Salmaso, voce e percussioni; Teco Cardoso, sassofoni e flauti; Toninho Ferragutti, fisarmonica
La sua voce vellutata, la capacità di interpretare in profondità il testo e la assoluta padronanza delle più svariate tradizioni stilistiche (afro-samba, choro, forrò e bossa) fanno di Mônica Salmaso la più autorevole interprete della musica popolare brasiliana dei nostri giorni. Per questo suo tour europeo Mônica propone uno show intimo, a tratti cameristico, che vive delle differenti atmosfere del ricco repertorio folklorico brasiliano, e soprattutto forte della presenza di due giganti della scena paulista quali i virtuosi Toninho Ferragutti e Teco Cardoso.

Lunedì 3 novembre
T.R.E.
Alessandro Giachero, piano; Stefano Risso, basso; Marco Zanoli, batteria

Venerdì 7 novembre
In Collaborazione con il Festival Jazz di Bologna
Kevin Hays Trio
Kevin Hays, piano; Doug Waiss, basso; Bill Stewart, batteria

Sabato 8 novembre
In Collaborazione con il Festival Jazz di Bologna
Stefano Bedetti 4et
Featuring: Billy Hart
Stefano Bedetti, sassofoni; Dado Moroni, piano; Ed Howard, basso; Billy Hart, batteria

Lunedì 10 novembre
In Collaborazione con il Festival Jazz di Bologna
One For All
Jim Rotondi, tromba; Steve Davis, trombone; Eric Alexander, sax tenore; David Hazeltine, piano; John Webber, basso; Joe Farnsworth, batteria

Venerdì 14 novembre
In Collaborazione con il Festival Jazz di Bologna
Antonio Faraò “Far Out” 4et
Tributo a Bob Berg
Bob Bonisolo, sax tenore; Antonio Faraò, piano; Martin Gjaconovski, basso; Gene Jackson batteria

Sabato 15 novembre
In Collaborazione con il Festival Jazz di Bologna
Inner Jazz Orchestra
Direttore: Dario Frabetti
Matteo Raggi, Marco Ferri, Luigi Grasso, Alessandro Vaccari, Michele Vignali, sax; Enrico Rizzi, Renzo Degli Espositi, Giancarlo Giannini, tromboni; Franco Capiluppi, Diego Frabetti, Fabio Girotti, Massimo Sgargi, trombe; Davide Brillante, chitarra; Emiliano Pintori, piano; Mirko Scarcia, basso; Dario Mazzucco, batteria; Chiara Pancaldi, voce

Lunedì 17 novembre
T.B.A.

Venerdì 21 novembre
Matt Wilson's Arts & Crafts
Terrel Stafford, tromba; Gary Versace, piano e organo; Martin Wind, basso; Matt Wilson, batteria

Sabato 22 novembre
Javier Versher 4et
Javier Versher, sassofoni; Andrea Pozza, piano; Lorenzo Conte, basso; Ferenk Nemeth, batteria

Lunedì 24 novembre
Jürg Wickihalder Overseas 4et
Jürg Wickihalder, sassofoni; Achille Succi, clarinetto basso e sax alto; Marc Zubec, basso; Kevin Zubec, batteria

Venerdì 28 novembre
Phil Markowitz, Trio
Phil Markowitz, piano; Jay Anderson, basso; Adam Nussbaum, batteria

Sabato 29 novembre
Michael Blake 4et
Michael Blake, sassofoni; Giovanni Guidi, piano; Marc Abrams, basso; Tommaso Cappellato, batteria

Lunedì 1 dicembre
El Gallo Rojo presenta
“Jump the Shark!”
Piero Bittolo Bon, sassofoni e clarinetti; Pasquale Mirra, vibrafono; Domenico Caliri, chitarra; Danilo Gallo, basso; Federico Scettri, batteria

Venerdì 5 dicembre
Erin Bode 4et
Erin Bode, voce; Adam Maness, piano; Syd Rodway, basso; Chris Higginbottom, batteria

Sabato 6 dicembre
T.B.A.

Lunedì 8 dicembre
“Pop Gossip”
Osmiza
Francesco Bigoni, sax tenore; Danilo Gallo, basso; Aljosa Jeric, batteria

Venerdì 12 dicembre
Jamie Saft Trio
Jamie Saft, piano; Greg Cohen, basso; Ben Perowski, batteria

Sabato 13 dicembre
Scott Hamilton 4et
Scott Hamilton, sax tenore; Sandro Gibellini, chitarra; Aldo Zunino, basso; Alfred Kramer, batteria

Lunedì 15 dicembre
“Balkan Piano”
Markelian Kapedani Solo
Markelian Kapedani, piano

Venerdì 19 dicembre
“In Collaborazione con il Conservatorio di Porto Rico”
Eddie Gomez 5et
Jeremy Steig, flauto; Marco Pignataro, sassofoni; Teo Ciavarella, piano; Eddie Gomez, basso; Billy Drummond, batteria

Sabato 20 dicembre
“Funambola”
Patrizia Laquidara 6et
Patrizia Laquidara, voce; Mirco Maistro, fisarmonica; Daniele Santimone, chitarra; Alfonso Santimone, piano; Lorenzo Pignattari, basso; Nelide Bandello, batteria

Lunedì 22 dicembre
T.B.A.

Sabato 27 dicembre
New York All-Stars
Merry Christmas Celebration
Steve Turrè, trombone e conchiglie; Stacy Dillard, sax tenore; Akua Dixon, voce e cello; Nico Menci, piano; Marco Marzola, basso; Dion Parson, batteria

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl