INTERNAZIONALE (4ott) - Record di pubblico per Noam Chomsky

04/ott/2008 15.45.43 Comune di Ferrara Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
CronacaComune

Ufficio Stampa
0532.419.243/244/338/452 (fax 0532.419.263)
http://www.comune.fe.it/stampa
ufficiostampa@comune.fe.it
INTERNAZIONALE (4ott) - Record di pubblico per l'intervista condotta da Lucia Annunziata
Noam Chomsky a ruota libera in esclusiva da Boston per Internazionale


04-10-2008

Non sono bastate tutte le sale del Cinema Apollo per contenere le persone che hanno atteso pazientemente in fila per assistere all'intervista – in videoconferenza dal MIT di Boston - di una bravissima Lucia Annunziata ad uno dei relatori più attesi: Noam Chomsky.
E così nella piazzetta antistante il Cinema Apollo un folla di persone si è assiepata davanti al maxischermo per ascoltare – grazie anche ad una perfetta traduzione consecutiva - le risposte dell'esponente della sinistra radicale americana , sempre puntuali e graffianti, su politica americana e internazionale, crisi economica e media.

E se all'inizio c'è stato un attimo di suspense tra tecnici e pubblico per alcuni problemi tecnici nel collegamento satellitare, poi niente è riuscito più a fermare Noam Chomsky, un fiume in piena che non ha risparmiato nessuno: “L'amministrazione Clinton era debole, ma è stato il momento del boom tecnologico (..) quella di Bush ha funzionato solo grazie all'indebitamento e all'incremento della spesa”.

Tra i tanti temi trattati non poteva certo mancare un giudizio sulla corsa alla Casa Bianca e se per Chomsky “qualsiasi governo al mondo non viene rieletto se c'è crisi” al momento “il sorpasso dei democratici” è minimo. Per il noto linguista un vero cambiamento ci potrebbe essere solo con delle leggi progressiste che “non vengono da Dio, ma dalle pressioni popolari.”

E La situazione politica Italiana? “Sorprendente e sbalorditiva. Un vero e proprio caos persistente!!”
Ma niente paura per il buon nome del Bel Paese! Nonostante quest'ultimo giudizio di Chomsky non sia dei più positivi, il critico americano non ha dubbi sul luogo dove trasferirsi dopo essere andato in pensione: naturalmente le dolci colline toscane!
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl