Sasa Makarova in mostra a Ferrara

Sasa Makarova in mostra a Ferrara Ufficio Stampa 0532.419.243/244/338/452 (fax 0532.419.263) http://www.comune.fe.it/stampa ufficiostampa@comune.fe.it Domani alle 17 la presentazione al museo del Risorgimento A Ferrara le "innocenti"opere di Sasa Makarová 09-01-2009 L'Espressionismo contemporaneo di Sasa Makarová giunge a Ferrara con una selezione delle sue opere più recenti.

09/gen/2009 13.22.17 Comune di Ferrara Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
CronacaComune

Ufficio Stampa
0532.419.243/244/338/452 (fax 0532.419.263)
http://www.comune.fe.it/stampa
ufficiostampa@comune.fe.it
Domani alle 17 la presentazione al museo del Risorgimento
A Ferrara le “innocenti”opere di Saša Makarová


09-01-2009

L’Espressionismo contemporaneo di Saša Makarová giunge a Ferrara con una selezione delle sue opere più recenti. A presentarle al pubblico sarà la stessa artista austro-slovacca che domani, sabato 10 gennaio, alle 17, prenderà parte all’inaugurazione della mostra allestita nella sala esposizioni del museo del Risorgimento e della Resistenza (c.so Ercole I d’Este 19). La rassegna, dal titolo “Sono così innocente” è curata da Isabella Falbo e Roberto Roda ed è promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Ferrara, in collaborazione con la Galleria d’Arte Moderna Bonzagni di Cento e con il patrocinio dell’Ambasciata della Repubblica Slovacca e dell’Istituto di Cultura Slovacco.
L’esposizione si inserisce, in particolare, nel programma di attività che, da diversi anni, vede il Centro Etnografico Ferrarese impegnato nello studio dell’universo artistico contemporaneo, secondo l’ottica dell’antropologia dell’arte, e si collega idealmente alla precedente mostra “Donne simboliste. Le misteriosofie di Gertrude Hozatko-Mediz e Nina Karasek”, puntando ad approfondire ulteriormente la persistenza, nell’arte contemporanea di lingua tedesca, di modalità espressive legate a una matrice mitteleuropea di taglio simbolista ed espressionista.
La mostra resterà aperta al pubblico fino al prossimo 25 gennaio.

LA SCHEDA a cura degli organizzatori
Saša Makarová
Slovacca per nascita ma viennese per adozione e formazione, pittrice di notevolissimo talento, Saša Makarová è stata capace di segnalarsi all’interno del panorama artistico attuale proprio per il forte legame che le sue opere intrattengono con la tradizione dell’Espressionismo, riletto tuttavia con forte coscienza contemporanea.
Saša è, spesso, attrice dei suoi quadri: quando si autoritrae e pure quando, raffigurando altre donne, mantiene innegabili tratti di rassomiglianza con se stessa. Come l’attore calcando i diversi palcoscenici indossa sempre nuove acconciature, nuovi trucchi, nuovi abiti, affinché i personaggi che interpreta possano andare in cerca d’autore, così fa Saša all’interno dei suoi quadri. Ogni pittura è un teatrino, una nuova recita dove sentimento e poesia convivono mirabilmente con l’ironia. Saša può davvero proclamare di essere “così innocente” perché, anche indossando i panni di una ambigua regina bizantina, di una geisha, di una “donna perduta”, di un’angelica dominatrice votata alla sessualità “bizarre”, ella non è mai colpevole, né biasimabile, giacché l’attore non può essere ritenuto responsabile dei fatti o dei misfatti che i suoi personaggi operano nella finzione scenica. E se poi i personaggi di Saša avessero davvero bisogno di essere redenti, a salvarli interviene uno s! traordinario senso del grottesco di matrice espressionista. La finzione pittorica di Saša, è specchio della vita, la quale può essere velenosa: un sorriso seppur amaro può diventare a volte un utile antidoto, una efficace medicina.

La biografia
Saša Makarová nasce a Košice (Slovacchia) nel 1966. Dopo l’accademia di Belle Arti a Bratislava, nel 1991 si trasferisce a Vienna per frequentare l’Università di Arti Applicate (Master Class con il professore e noto protagonista dell’arte internazionale Adolf Frohner).
Nel 1997 è accettata nel corso accademico per studenti di talento, dove si diploma con lode.
Nel 1999 usufruisce di una borsa di studio-lavoro del Ministero Austriaco delle Scienze e dei Trasporti.
Ha effettuato viaggi di studio in Iran, India, Cina, Laos, Vietnam, Giappone, ecc.
Ha iniziato l’attività espositiva nel 1995 collezionando importanti personali in Austria, Germania, Stati Uniti. Vive e lavora a Vienna. È rappresentata a livello internazionale dalla prestigiosa Galleria Ernst Hilger di Vienna. In Italia le sue opere sono trattate dalla Galleria De Faveri di Feltre.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl