Consiglio comunale - seduta ancora in corso

09/feb/2009 19.30.38 Comune di Ferrara Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
CronacaComune

Ufficio Stampa
0532.419.243/244/338/452 (fax 0532.419.263)
http://www.comune.fe.it/stampa
ufficiostampa@comune.fe.it
I lavori della seduta odierna del Consiglio comunale
Approvato il Bilancio di previsione 2009 dell’Azienda AFM Farmacie comunali


09-02-2009

Ordine del giorno – Il degrado della strada statale 16 Adriatica
In apertura di seduta il Consiglio comunale ha votato all’unanimità l’ordine del giorno presentato dalla Conferenza dei presidenti dei gruppi consiliari, illustrato dal presidente del Consiglio comunale, sul “Grave stato di degrado della strada statale 16 Adriatica nel tratto in uscita sud dalla città da San Giorgio in direzione Ravenna”.

Queste le delibere:

Vicesindaco Rita Tagliati
- Approvazione del Bilancio di previsione 2009, del Piano programma e del Bilancio pluriennale 2009-2010-2011 dell’azienda speciale AFM – Farmacie comunali.
Dopo l’illustrazione della delibera da parte del vicesindaco Rita Tagliati (erano presenti Francesco Schito e Riccardo Zavatti, presidente e direttore di AFM Farmacie Comunali ) sono intervenuti i consiglieri Barbara Diolaiti (Verdi), Maria Giulia Simeoli (Pdci), Ubaldo Ferretti (PD), Irene Bregola (Prc) Gianluca Vitarelli (PD), Ilario Zamariolo (PS); quindi il presidente AFM Francesco Schito e per le conclusioni la vicesindaco Rita Tagliati. Per dichiarazioni di voto sono intervenuti i consiglieri Barbara Diolaiti (Verdi), Liliano Cavallari - Io amo Ferrara (che ha annunciato la non partecipazione al voto del gruppo).
La delibera è stata approvata all’unanimità.

LA SCHEDA - Un risultato prima delle imposte di 301.159 euro oltre al canone di esercizio farmacie di 649.961 euro che, pagate le tasse, farà staccare un “dividendo” di oltre 700.000 euro a favore del Comune di Ferrara. Sono queste le performance che Francesco Schito e Riccardo Zavatti, presidente e direttore di AFM Farmacie Comunali, hanno prodotto in Consiglio comunale in occasione della presentazione del Bilancio di previsione 2009 dell’Azienda cittadina.
“Alla luce della riduzione della spesa farmaceutica pubblica che ha inciso sulle entrate di tutte le farmacie sia comunali che private – ha affermato Francesco Schito – riteniamo tale risultato ambizioso, ma alla nostra portata. C’è una progressiva perdita del valore economico medio della ricetta medica che, nel giro di un anno, è passata da 20,71 a 19,37 euro e tale valore continua a calare per effetto del massiccio ricorso alla distribuzione diretta di farmaci ad alto costo da parte delle strutture sanitarie territoriali. Non sempre i cittadini sono contenti di questo sistema di distribuzione così come si evince dalle numerose lettere di protesta che appaiono periodicamente sui quotidiani cittadini, dove vengono segnalate situazioni di disagio crescente per il fatto di essere costretti a ritirare un farmaco lontano da casa (qualche volta a decine di chilometri), in orari ridotti, senza la certezza di trovare subito il medicinale, con il rischio di dovere ritentare nei gior! ni successivi rimanendo nel frattempo sprovvisti di farmaco. Tale forma di ‘concorrenza’, – ha concluso Schito - unitamente all’introduzione di nuovi farmaci generici determina una riduzione della marginalità delle farmacie. Il tutto deve essere inquadrato nella generale crisi economica che interessa tutto il Paese e che determina una contrazione degli acquisti diretti da parte dei cittadini”.
“Proprio per rispondere fattivamente alle sollecitazioni della crisi economica in atto e dei concorrenti sempre più numerosi ed aggressivi – ha affermato Riccardo Zavatti – abbiamo concepito ‘Farmamica’ la fidelity card che ci ha consentito di dare un dividendo importante in termini economici ai nostri cittadini contribuendo, nel contempo, a far crescere i nostri fatturati. Com’è noto infatti questa tessera consente al cittadino di avere un forte sconto su parafarmaci e dietetici. Ne abbiamo distribuite circa 43mila ed è quindi ragionevole affermare che AFM abbia raggiunto con essa oltre il 50% delle famiglie ferraresi. Nonostante la crisi – ha ribadito – non abbasseremo il livello qualitativo delle nostre prestazioni che continuerà ad essere di assoluto valore, in linea con la nostra migliore tradizione, fatta di costante attenzione ai bisogni dei nostri utenti che per noi sono i veri azionisti di riferimento”.


- Approvazione del Nuovo contratto di servizio per la disciplina dei rapporti tra il Comune di Ferrara e l’Azienda speciale AFM.
Dopo l’illustrazione della delibera da parte del vicesindaco Rita Tagliati (che ha presentato un emendamento del Sindaco – approvato) è intervenuta la consigliera Barbara Diolaiti (Verdi).
La delibera è stata approvata all’unanimità.

LA SCHEDA – Sono state valutate complessivamente positive le disposizioni del contratto di servizio sottoscritto nel luglio del 2005. Comune di Ferrara e AFM hanno pertanto convenuto di riproporle per un ulteriore triennio (fermo restando che al termine del primo anno di valenza del contratto le parti si incontreranno per valutare, di comune intesa, l’entità del canone annuale) introducendo come significative novità quelle previste dall’art.2 comma 461 della legge 244/2007. Esse, in particolare, riguardano la tutela degli utenti e il rapporto con le associazioni dei consumatori da attuarsi anche attraverso la cosiddetta “Carta della qualità dei servizi” per un più adeguato e predefinito flusso informativo di tutti i dati, non solo economico-finanziari ma anche e soprattutto di attività, da rendere disponibili agli organi comunali e ai cittadini utenti. Un processo possibile attraverso il costituendo sito web del Comune riguardante la realtà delle ‘partecipate’, con parti! colare riguardo ai gestori dei servizi pubblici locali.
Il contratto di servizio ha lo scopo di disciplinare per i servizi affidati in gestione i rapporti tra l’Azienda e il Comune e quindi i loro reciproci doveri, diritti e obbligazioni derivanti dall’affidamento del diritto alla gestione delle farmacie di cui il Comune è titolare.


Assessore Roberto Polastri
- Conferma per l’anno 2009 della maggiorazione nella misura pari al 0,5% dell’aliquota di compartecipazione dell’addizionale comunale all’Irpef.
La delibera, illustrata dall’assessore Roberto Polastri, è stata approvata all’unanimità.

La seduta è attualmente ancora in corso.
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl