ELETTROSMOG IL CONSIGLIO COMUNALE CHIEDE DI BLOCCARE IL DECRETO GASPARRI

liberamente, in deroga ai piani urbanistici e ai regolamenti che ogni

08/nov/2002 15.29.47 Ufficio Stampa Del Comune di Nonantola (MO) Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
Il Consiglio Comunale di Nonantola nella seduta del 31 ottobre scorso
ha approvato un ordine del giorno, presentato dalla Lista Solidarietà
è Progresso, in cui esprime forte preoccupazione per le norme
contenute nel Decreto Legislativo n. 198/2002 (Decreto Gasparri) che
consentono ai gestori di telefonia cellulare l’installazione di
impianti, al di fuori di ogni regolamento e norma urbanistica.
Se il decreto Gasparri sarà trasformato in legge, gli impianti di
telefonia mobile potranno essere installati sull’intero territorio
liberamente, in deroga ai piani urbanistici e ai regolamenti che ogni
comune aveva faticosamente approvato nel solco di quanto previsto
dalla legge regionale n. 30/2002, che si era posta giustamente e
seriamente il problema della tutela della salute delle persone e
dell’ambiente dall’inquinamento elettromagnetico.

Il Consiglio Comunale di Nonantola, che aveva affrontato il problema
approvando un Regolamento per l’installazione e l’esercizio di
impianti di telefonia mobile in data 25/10/2001 (con esso si sono
fissati criteri di tutela dell’ambiente e della salute nella
concessione di autorizzazione per l’installazione di ripetitori)
chiede alla Regione Emilia Romagna di impugnare presso la Corte
Costituzionale il D. Lgs. 198/2002 e di promuovere iniziative
congiunte, anche sul piano amministrativo e legale, con l’obiettivo
di evitare che il Decreto in oggetto venga convertito in legge dal
Parlamento. Analoga richiesta viene rivolta anche alla Provincia di
Modena alla quale si chiede di promuovere campagne informative
rivolte al pubblico per denunciare le gravi conseguenze ambientali,
paesaggistiche e sulla salute dei cittadini che le norme del decreto
potrebbero provocare .

Il Sindaco di Nonantola, Stefano Vaccari già un mese fa aveva
rivolto a colleghi amministratori e a comitati costituitisi sulla
tematica, un appello per una mobilitazione forte e comune , appello
che viene ora rinnovato attraverso l’invio dell’o.d.g. a tutti i
Sindaci della Provincia di Modena e di Bologna oltre che al Ministro
delle Telecomunicazioni e ai Presidenti di Camera e Senato.


blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl