CONVEGNO 23 LUGLIO 2009

22/lug/2009 12.13.29 Imago Comunicazione Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

La responsabilità amministrativa delle imprese e l'estensione ai reati in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro”. Questo il titolo del convegno che si svolgerà giovedì 23 negli spazi del centro congressi di Palmanova, avente come tema il decreto legislativo 231 del 2001 e organizzato da Aurea Professional.

L'incontro a cui prenderà parte anche il sindaco di Palmanova, Federico Cressati ha come obbiettivo quello di diffondere la conoscenza del decreto 231, indispensabile ai fini della sopravvivenza delle aziende e quindi dei suoi lavoratori, illustrando i mezzi per non incorrere nelle pesanti sanzioni penali che la mancata applicazione della normativa avrebbe come conseguenza.
 
Si tratta di un decreto che ha rivoluzionato la materia della responsabilità penale delle imprese in Italia ma che ad oggi pochi conoscono. Fino al 2001 infatti la responsabilità penale era in capo alle persone fisiche e quindi anche ai lavoratori, oggi anche le aziende si accollano e concorrono a gravi sanzioni fino a 1.500.0000 euro e possibile inibizione dell'attività.
 
Il decreto, che come già sottolineato risale a otto anni fa, solo nel 2008 ha introdotto un importante modifica, si tratta di un nuovo reato tra quelli già contemplati: lesioni e morte derivanti da violazioni di norme sulla sicurezza nei luoghi di lavoro.
 
Il convegno, aperto a tutti -a partire dalle 8.30-, vuole essere un invito ad adottare un modello organizzativo strutturato, sviluppando una cultura di prevenzione che tuteli l'azienda e tutte le maestranze, attraverso una serie di codici etici tra cui la vigilanza, la condotta e la trasparenza.
 
Non tutti sanno che violazioni come: delitti contro la personalità individuale , contro la fede pubblica, abusi di mercato, riciclaggio e impiego di denaro sono reati punibili con sanzioni pecuniarie e interdittive severissime per l'azienda anche qualora siano i lavoratori stessi a commetterle a insaputa dei vertici.
 
“Risulta chiaro che le sanzioni del decreto possono avere un effetto deterrente ripercuotendosi gravemente sull'attività di impresa- commenta il direttore tecnico di Aurea Professional Fulvio Lorenzon- Si pensi all'interruzione dell'attività che può provocare, tenuto conto delle dimensioni dell'azienda e delle condizioni economiche del territorio rilevanti ripercussioni anche sull'occupazione”.
 
Diventa dunque indispensabile una corretta gestione dell'azienda attraverso iniziative disciplinari di coordinamento e controllo.
Per info Tel_0481.969604
 
 
Ufficio Stampa
Imago Comunicazione Srl
info@ima-go.it
Tel_0481547024
 
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl