I bambini di Anguillara per un grande progetto di cooperazione

si possa costruire un ponte con le popolazioni che lottano per la sopravvivenza".

Allegati

11/giu/2005 13.37.21 Comune di Anguillara Sabazia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
“L’entusiasmo dei piccoli per un grande progetto”

Dalle scuole di Anguillara all’India. Raccolti fondi per la creazione di un dispensario
medico a Vizhinjam - Kerala nell’ambito delle iniziative avviate da Lelia Onlus e dalla
Sebastian Indian Social Project. “L’amministrazione comunale di Anguillara - ha detto il
sindaco Emiliano Minnucci - tiene molto all’idea della cooperazione internazionale perché
si possa costruire un ponte con le popolazioni che lottano per la sopravvivenza”.

I bambini di Anguillara in prima fila per la solidarietà delle popolazioni indiane le cui
condizioni di vita, già disagiate, sono state aggravate dall’immane tragedia dello
tsunami del dicembre scorso. Destinati ad una iniziativa di solidarietà, organizzata in
accordo con la Associazione Lelia onlus e il coinvolgimento della Sebastian Indian Social
Project, a sostegno delle popolazioni di Vizhinjam - Kerala nel Sud dell’India i proventi
(3 euro a biglietto) dello spettacolo Musical Pinocchio che si è tenuto il 16 e 17 marzo
scorso e che ha visto la partecipazione di alunni e genitori. Raccolti complessivamente,
grazie anche ad un contributo di 1.000 euro della locale filiale della Banca delle
Marche, 2.400 euro.
L’Associazione Lelia con la collaborazione del partner locale ha studiato un progetto di
assistenza sanitaria che andrà a rafforzare i pochi dispensari medici presenti nell’area.
In coerenza con la tipologia di iniziative fino ad oggi sviluppate, si è deciso destinare
i fondi raccolti per strutturare un dispensario medico in una stanza messa a disposizione
dalla Sebastian Indian Social Project all’interno del complesso già da anni affittato per
le altre attività. Il dispensario occuperà una stanza di 3 per 4 metri con bagno interno
e un piccolo soppalco dove sistemare alcune attrezzature e un’assistenza periodica ma
settimanale (si pensa a due volte alla settimana), di qualità e che preveda la gratuità
per i casi più poveri. Si offrirà un servizio ambulatoriale anche pediatrico, e,
parallelamente, si svilupperà un percorso informativo di carattere sanitario. Il progetto
è stato presentato oggi nel corso di una conferenza stampa al quale hanno partecipato il
sindaco di Anguillara Emiliano Minnucci, l’assessore alla Pubblica Istruzione di
Anguillara Mario Dolci, Maurizio Misitano di Lelia onlus e rappresentanze delle
dirigenze.
“In quelle zone dell’India - ha sottolineato Maurizio Misitano, vicepresidente di Lelia
Onlus - l’emergenza è permanente anche al di là di eventi catastrofici come lo tsunami.
Pur con un impatto meno violento rispetto ad altre zone dell’India, l’onda anomala ha
comunque lasciato dietro di sé distruzione e desolazione colpendo soprattutto il settore
economico e quello sanitario. Si è registrato un preoccupante aumento dei casi di
malaria, febbre tifoidea, infezioni intestinali, la ricomparsa di casi di dengue, oltre a
molti casi di avvelenamento per morsicature di serpenti velenosi, ragni, scolopendre ecc.
e utilizzo di acqua non salubre. Purtroppo il Governo regionale - ha detto ancora
Misitano - non può intervenire in tutte le situazioni e, se da un lato ha aiutato il
rilancio delle attività economiche danneggiate, dall’altro, non ha i mezzi e i fondi per
intervenire nel bonifico delle zone paludose e nel approvvigionamento di materiale e
strumentazione medica ai dispensari danneggiati durante la tragedia”.
“Si tratta di un progetto - ha sottolineato l’assessore Mario Dolci a misura dei fondi
raccolti. A settembre - ha aggiunto - con la ripresa delle lezioni faremo una proiezione
mostrando cosa è stato fatto. L’intenzione è di portare avanti questa iniziativa con
Lelia anche per il futuro”.
“L’amministrazione comunale di Anguillara - ha detto il sindaco Emiliano Minnucci - tiene
molto all’idea della cooperazione internazionale perché si possa costruire un ponte con
le popolazioni che lottano per la sopravvivenza. Una somma di 2.400 euro non sono molto
per noi ma è una cifra molto significativa - ha aggiunto - in luogo in un Sud dell’India
in cui si vive con pochi euro al mese. Ringrazio l’associazione Lelia che ha sede ad
Anguillara - ha aggiunto ancora Minnucci - per questo progetto che costituisce il primo
mattone per costruire un edificio della cooperazione internazionale destinato a reggere
nel tempo”.

Anguillara 11 Giugno 2005

Ufficio Stampa - Dottoressa Graziarosa Villani
uff.stampa@comune.anguillara-sabazia.roma.it
Cell. 360/805841 - 348/6916159 - Tel. 06/99600023 - Fax
06/99607086 comunicato n. 0160
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl