Anguillara: una giornata in compagnia della Regina Cristina di Svezia

corona e convertitasi al Cattolicesimo, lasciò la Svezia per dirigersi verso Roma.

01/nov/2005 15.53.48 Comune di Anguillara Sabazia Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA
Anguillara: una giornata in compagnia della Regina Cristina di Svezia

Il 5 novembre evento cultural-gastronomico, organizzato dal Country Relais i Due Laghi in
collaborazione con Slow Food, per ripercorrere i luoghi visitati dalla sovrana nella
Tuscia. Alle 15.30 Salotto Letterario su Cristina di Svezia a cura di June di Schino e
di Marcello Selmi

Esattamente trecentocinquanta anni fa Cristina di Svezia (1626 - 1689), posati scettro e
corona e convertitasi al Cattolicesimo, lasciò la Svezia per dirigersi verso Roma. Vi
entrò segretamente la notte del 20 dicembre attraverso Porta Pertusa, alla luce delle
torce, e si inginocchiò in Vaticano davanti a Papa Chigi, Alessandro VII. L’entrata
ufficiale, in un clima di straordinario dispiego di uomini, armigeri, folla e luminarie,
avvenne il 23 dicembre, attraverso la Porta Flaminia in Piazza del Popolo. Cristina
cavalcava una giumenta bianca. Aveva ventinove anni quando, nell’autunno del 1655, arrivò
in Italia. Percorse con il suo numeroso seguito la Via Flaminia e, il 18 dicembre, quasi
in prossimità di Roma, deviò verso Caprarola. Lì la accolse Ranuccio Farnese, che la
ospitò nel suo Palazzo. Il 19 dicembre si diresse verso Bracciano dove, nel Castello
Orsini, ora Odescalchi, la attendeva Paolo Giordano Orsini II, che nutriva grande
ammirazione per lei. Nel Castello è visibile un ritratto di Cristina, a grandezza
naturale, collocato nella camera dove probabilmente dormì (è opera della cerchia del
Fiammingo Jacob Ferdinand Voet). Per un poco visse a Palazzo Farnese, quindi in Palazzo
Riario - poi Corsini - alla Lungara, dove morì. È sepolta, con scettro e corona,
privilegio straordinario per una donna, in San Pietro.
Nel 350° anniversario del suo viaggio il Country Relais I Due Laghi di Anguillara, in
collaborazione con Slow Food, ha promosso una originale iniziativa culturalgastronomica
per rivivere questi momenti storici che daranno anche l’occasione di conoscere anche i
cibi tradizionali dei Paesi Scandinavi, tra i quali il burro salato artigianale, presidio
internazionale Slow Food. Questo percorso sarà accompagnato dagli studi di June di
Schino, studiosa della Civiltà della Tavola e docente di Cultura enogastronomia presso le
Università di Roma e di Bologna, e di Marcello Selmi, un attore esperto d’arte e di
letteratura che si è dedicato allo studio della Regina Cristina con l’emerito professor
Borsellino e la danese Lisbeth Hummel, food and beverage manager del ristorante La Posta
de’ Cavalieri, che tratteggerà la storia di un cibo tradizionale dei Paesi Scandinavi,
l’aringa.

Programma
Ore 10.30: Appuntamento a Bracciano, Piazza Mazzini, all’entrata del Castello
Orsini Odescalchi; visita con Guida del Castello (Ingresso 5 euro).
Ore 13.00: Pranzo “Aringhe & Fagiani” Ristorante La Posta de’ Cavalieri del Country
Relais I Due Laghi - Località Le Cerque - Anguillara Sabazia (35 euro bevande incluse)
Ore 15.30: Sala Conferenze - Salotto Letterario su Cristina di Svezia a cura di June
di Schino e di Marcello Selmi.(ingresso libero)

Anguillara 1° novembre 2005
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl