AREE VERDI, SERVE APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER SUSSIDIARIETA' ORIZZONTALE

AREE VERDI, SERVE APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER SUSSIDIARIETÀ ORIZZONTALE.

Persone Augusto Santori, Augusto SANTORI Consigliere
Luoghi Roma
Organizzazioni Roma Ufficio, Lavori Pubblici, Commissione Sport, Municipio Roma XV, Municipio XV, ufficio relazioni con il pubblico, Alleanza Nazionale, Popolo delle Libertà
Argomenti politica, diritto, istituzioni, diritto pubblico e amministrativo

10/gen/2012 15.06.10 Consigliere del Municipio XV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

COMUNICATO STAMPA

 

AREE VERDI, SERVE APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER SUSSIDIARIETA' ORIZZONTALE

 

Augusto Santori (PDL): “Da Assessorato Ambiente passo importante ma non basta"

 

"Il principio di sussidiarietà orizzontale ha trovato fondamento nella revisione costituzionale del 2001 e precisamente all'art. 118, comma 4, che recita precisamente che Stato, Regioni, Città metropolitane, Province e Comuni favoriscono l'autonoma iniziativa dei cittadini, singoli e associati, per lo svolgimento di attività di interesse generale. Tale modifica costituzionale non ha ancora trovato concreto riscontro per Roma Capitale in un regolamento comunale che recepisca il principio della cittadinanza attiva, della responsabilizzazione dei cittadini, di associazioni e comitati nella cura degli spazi comuni urbani, siano queste aree verdi o legate alla manutenzione scolastica e ad altri interventi in favore della collettività", così dichiara in una nota Augusto Santori, consigliere del PDL del Municipio XV.

"L’iniziativa dell’Assessorato all’Ambiente di Roma Capitale – prosegue Santori – va nella giusta direzione ma non può ritenersi esaustiva delle numerose e variegate energie provenienti dai cittadini comuni per porre in essere progetti efficaci di tutela dell’interesse collettivo e degli spazi comuni della città. Non esiste formalmente un regolamento che sappia accogliere tali energie, informarle, convogliarle nella direzione più efficiente. La maggior parte delle buone intenzioni di cittadinanza attiva espresse da Roma cade purtroppo di fronte alla burocrazia e al disorientamento più totale e penalizzante. E’ il caso dei tanti che vorrebbero attivare orti urbani, riparare l’arredo urbano dei parchi, dipingere le aule delle scuole materne, pulire il marciapiede di fronte casa”.

“Occorre predisporre uno specifico URP sulla cittadinanza attiva, uffici tecnici e agenti di Polizia di Roma Capitale in grado di gestire le proposte provenienti dalla cittadinanza – conclude la nota di Santori – occorre insomma un drastico cambio di cultura amministrativa e politica per porre il cittadino come protagonista della quotidianità dei propri quartieri, incentivando e favorendo le attività che portano alla tutela del bene comune e, di pari passo, alla realizzazione delle aspirazioni personali di volontariato espresse dalla cittadinanza. In tal senso l’esperienza di Labsus, il laboratorio per la sussidiarietà orizzontale, appare un esperimento in grado di dare forma a questo progetto, anche e soprattutto a Roma ove solo con l’approvazione di uno specifico regolamento riuscirà ad essere avanguardia nella cittadinanza attiva”.

 

Roma, 10 Gennaio 2012

 

 

 

Dott. Augusto SANTORI

Consigliere del Municipio Roma XV

Alleanza Nazionale - Il Popolo della Libertà

 

Vice Presidente della Commissione Trasparenza, Controllo e Garanzia

Vice Presidente della Commissione Sport e Cultura

membro della Commissione Lavori Pubblici e Manutenzione Urbana

 

Sede Istituzionale – Consiglio del Municipio Roma XV

Via Mazzacurati, 73/75 – Roma

 

Ufficio (Circolo di Alleanza Nazionale – Popolo della Libertà Arvalia Portuense)

Via Dante De Blasi, 57 – Roma 00151

Tel./Fax 06.6534609

 

Cell. 347.8020091

augustosantori@virgilio.it

www.augustosantori.com

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl