ROMA, MUNICIPIO XV, ONLINE LE IMMAGINI DI CIÒ CHE RESTA DELL'EX-OLEIFICIO

27/apr/2007 08.30.00 Consigliere del Municipio XV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

 

Dott.  AUGUSTO SANTORI

Consigliere  Comune diRoma  XV Municipio

Via D. DE BLASI, 57  00151 roma

tel. pers.  347-8020091  augustosantori@virgilio.it

 

COMUNICATO STAMPA

 

ROMA,MUNICIPIO XV,

 ONLINELE IMMAGINI DI CIò CHE RESTADELL’EX-OLEIFICIO

 

Augusto Santori (AN): “Immagini che mostrano cosaintende il centrosinistra per solidarietà”

Un video di cinque minuti sul campo nomadi abusivo su ciòche resta dell’ex-Oleificio sgomberato qualche giorno fa dalle forzedell’ordine

 

“La Quiete dopo laTempesta” è il video realizzato da Augusto Santori, consigliere diAlleanza Nazionale del Municipio XV, in collaborazione con i ragazzi del Movimento RES,che evidenzia le condizioni igienico-sanitarie vissute dai nomadiall’interno dell’ex-Oleificio alla Borgata Petrelli, a pochi giornidallo sgombero avvenuto qualche giorno fa ad opera delle forzedell’ordine. Il video, della durata di meno di cinque minuti, è visibilesul noto sito di YouTube e più precisamente al link:

 

http://www.youtube.com/watch?v=2THIR53wlnc#GU5U2spHI_4

 

“E’ un video –dichiara il consigliere Augusto Santori – che mostra tutti i limiti el’ipocrisia dell’impostazione di chi evidenzia una presuntasolidarietà nel tutelare gli stanziamenti abusivi di rom oggi presenti nellaCapitale. Abbiamo evidenziato le disastrose condizioni igienico-sanitarie elogistiche di chi vive oggi in queste baraccopoli, delle vere e proprie favelas romane”.

“Si trattapurtroppo di una vera e propria emergenza sociale – prosegue la nota delconsigliere – dove abbiamo avuto modo di verificare la presenza ditonnellate di immondizia, olezzi disgustosi, numerosi ratti, molte automobilied elettrodomestici, presumibilmente oggetto di furto, ed anche due antenneparaboliche. Un motivo in più per plaudere all’iniziativa tesa adabbattere la struttura dell’Ex-Oleificio, pericolante e con tetti in eternit”.

“La tristerealtà – conclude Santori – è che molti di questi nomadi si sonospostati di poche centinaia di metri e, più precisamente, nei pressi dei binaridella ferrovia che passa per Magliana, facendo registrare in queste ultime oreun fortissimo rallentamento dei treni in passaggio nel tratto inoggetto”.

 

Roma, 27 aprile 2007

 

 

Per info: AugustoSantori 347.8020091

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl