PATTO PER ROMA SIA IL PRIMO VERO RILANCIO PER CORVIALE

14/mar/2008 14.49.00 Consigliere del Municipio XV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

I COMITATIPRESENTERANNO A BERLUSCONI

RELAZIONE SULLA GESTIONE ATER A CORVIALE

                                                                                                 

Fabrizio Santori eAugusto Santori(PDL): “La firma del Patto di Roma sia il primo vero rilancio di Corvialedopo anni di illusioni”

 “Contratti di quartieri egestione ATER veri nodi da risolvere”

 

“Dopo che per anni Corviale ha rappresentatosimbolicamente il red carpet del degrado, dove politici in passerella hannovoluto strumentalmente urlare da qui la propria attenzione ai ceti più deboli eal decoro della città, i residenti di Corviale nutrono la forte speranza che lavisita di domani e la sigla del Patto per Roma possano veramente rappresentareil primo vero e tanto atteso rilancio di questo quadrante dopo anni di falsepromesse, annunci traditi e illusioni prodotte”, così hanno dichiarato inuna nota Fabrizio SANTORI, candidato al Comune per la PDL, e Augusto SANTORI,consigliere di AN-PDL al Municipio XV, alla vigilia della visita di Berlusconi,Fini, Alemanno e Antoniozzi a Corviale.

“La questione dei contratti di quartiere, annunciati agran voce e da tempo finanziati per 10 milioni di euro, ma mai resi operativi,risulta il primo nodo su cui Corviale gioca la sua partita di riqualificazionee di decoro, con particolare riferimento ai servizi assenti nella zona e di cuipiù di 1500 famiglie non possono usufruire quotidianamente”, prosegue lanota dei due esponenti del PDL.

“Il fatto che domani – insistono Fabrizio e Augusto Santori –i Comitati di zona, assistiti legalmente dall’Avv. Bianca Magarò,consegneranno la relazione sulla gestione di Corviale da parte dell’ATERè sintomatico della fiducia che la zona vuole riporre verso il centro-destraalla guida della città. Crediamo, anzi, che sia l’ultimo appello diCorviale alla classe politica, visto che al degrado si aggiunge la questionedelle bollette in aumento (tra l’altro non supportate da adeguatadocumentazione), fatte recapitare dall’ATER ai residenti, che stannocreando enormi disagi alla fine del mese soprattutto alle famiglie menoabbienti di Corviale, è destinata a finire direttamente in tribunale. L’ATER,ex IACP, a fronte di utenze e canoni che, anche per le famiglie meno abbienti,superano i 300 euro mensili, non garantisce alcuna prestazione degna di meritoin termini di servizi e messa in sicurezza degli edifici di cui è proprietaria.Non solo, ma le 1500 famiglie regolari attualmente rispondono anche degliallacci abusivi di corrente di ben 160 famiglie non censite e che, attualmente,vivono in quei noti quarti e quinti piani che dovrebbero essere riqualificatiproprio attraverso i contratti di quartiere”.

“A questo punto – concludono Fabrizio e Augusto Santori –con un caro vita sempre più assillante e un livello di degrado di tale portata,i residenti di Corviale vogliono ancora nutrire le ultime speranze in Alemannoe Berlusconi, affinché un domani Corviale possa rappresentare il simbolo di unquartiere rinato”.

 

Roma, 14 Marzo 2008

 

Dott. Augusto SANTORI

+39.347.8020091

augustosantori@virgilio.itwww.augustosantori.com

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl