DISCARICHE DI ETERNIT NELLA TENUTA DEI MASSIMI

AUGUSTO SANTORI Consigliere Municipio ROMA XV Via D. DE BLASI, 57 00151 roma tel. pers.

26/nov/2008 14.02.56 Consigliere del Municipio XV Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Dott.  AUGUSTO SANTORI

Consigliere  Municipio ROMA XV

Via D. DE BLASI, 57  00151 roma

tel. pers.  347-8020091   augustosantori@virgilio.it

www.augustosantori.com

 

COMUNICATO STAMPA

ROMA, MUNICIPIO XV,

DISCARICHE DI ETERNIT NELLA TENUTA DEI MASSIMI

 

Augusto Santori (PDL):

“Rimosse prontamente dall’AMA, ora si provveda alla recinzione delle aree incolte”

“Serve indagine della polizia ambientale sugli svuota cantine e iscrizione ad apposito albo”

FOTO IN ALLEGATO

 

“L’AMA impiega buona parte delle proprie risorse umane ed economiche per la rimozione delle discariche abusive che si formano nelle aree incolte della città, tra cui spicca il Municipio XV per via delle numerose aree in urbanizzare e riserve naturali presenti sul proprio territorio. Tutto ciò, oltre a produrre un grave degrado e un rilevante dispendio di risorse, rischia di causare un irrimediabile abbrutimento di diverse aree, come nel caso della Riserva Naturale della Tenuta dei Massimi, dove nelle scorse ore sono state ritrovati rifiuti di eternit altamente inquinanti”, così dichiara in una nota il consigliere del XV Municipio del PDL Augusto Santori.

“La denuncia rappresenta l’ennesimo grido di denuncia che proviene dai residenti di Muratella, Magliana e Portuense, dove diverse foto sono testimoni di discariche numerose, di rilevanti proporzioni, sviluppate con rifiuti ingombranti e dalla caratteristiche più disparate: cabine telefoniche, carcasse di automobili e motorini, copertoni usati, elettrodomestici obsoleti, calcinacci e scarti di lavorazione, oltre che rifiuti di vario genere”, prosegue la nota di Santori.

“Gli sforzi dell’AMA nel rimuovere i rifiuti e del Corpo Forestale dello Stato nel punire i trasgressori sono sviliti dall’aggravarsi del fenomeno, in cui sarebbero coinvolti italiani e stranieri, in particolare chi svolge illegalmente attività di svuota-cantine e di recupero di rifiuti speciali. Ora è necessario, oltre a intensificare i controlli, avviare mirate indagini da parte della polizia ambientale tese al ripristino della legalità, in grado di consegnare i responsabili alla giustizia attraverso il giusto risarcimento dei costi ambientali prodotti”.

“Chiediamo quindi al Sindaco un’ordinanza speciale – conclude Santori – che oltre a un maggior pattugliamento delle aree verdi urbane, porti all’obbligo di recinzione dei terreni incolti e alla predisposizione di new jersey e di strutture parapedonali nelle aree verdi adiacenti alle strade comunali, al fine di evitare che furgoni riescano a scaricare repentinamente carichi di rifiuti. Si deve poi ricorrere a un’apposita campagna di sensibilizzazione, che spinga i cittadini ad appellarsi agli enti predisposti allo smaltimento dei rifiuti, anche per mezzo della costituzione di un apposito albo di enti ed operatori autorizzati a svolgere tale attività”.

 

Roma, 26 Novembre 2008

 

Dott. Augusto SANTORI

+39.347.8020091

augustosantori@virgilio.it

www.augustosantori.com

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl