ABBANDONO NEONATI, SANTOR "SU SALE GIOCHI COLMARE VUOTO NORMATIVO"

COMUNICATO STAMPA ABBANDONO NEONATI, SANTORI: "SU SALE GIOCHI COLMARE VUOTO NORMATIVO" Il presidente della Commissione Sicurezza, "No vicino scuole, caserme, luoghi di cura" "E' l'ennesimo sconvolgente caso che dimostra come questi apparecchi automatici contribuiscano a una sorta di alienazione dalla realtà, eoltre ad essere un pericolo per le risorse economiche di molte famiglie o anziani, che possono finire per trovarsi in tali condizioni di dipendenza da abbandonare i propri figli nell'automobile o sperperare interi patrimoni" lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, presidente della Commissione Sicurezza di Roma Capitale, in merito all'abbandono per alcune ore di due figli gemelli di 11 mesi in auto per giocare alle slot machines in un bar del XV Municipio di Roma.

Persone Fabrizio Santori
Luoghi Florence, Leghorn, Parma
Argomenti music

04/giu/2011 15.23.42 Consigliere del Municipio Roma XVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

ABBANDONO NEONATI, SANTORI: "SU SALE GIOCHI COLMARE VUOTO NORMATIVO"

Il presidente della Commissione Sicurezza, “No vicino scuole, caserme, luoghi di cura"

"E' l'ennesimo sconvolgente caso che dimostra come questi apparecchi automatici contribuiscano a una sorta di alienazione dalla realtà, eoltre ad essere un pericolo per le risorse economiche di molte famiglie o anziani, che possono finire per trovarsi in tali condizioni di dipendenza da abbandonare i propri figli nell'automobile o sperperare interi patrimoni"  lo dichiara in una nota Fabrizio Santori, presidente della Commissione Sicurezza di Roma Capitale, in merito all'abbandono per alcune ore di due figli gemelli di 11 mesi in auto per giocare alle slot machines in un bar del XV Municipio di Roma.
"Possiamo constatare come negli ultimi tempi sembra registrarsi una proliferazione di apertura di sale giochi che, seppure aperte con regolare autorizzazione, sono spesso luoghi di incontro in cui non sempre i giocatori svolgono attività del tutto legali e che spesso creano disturbo alla quiete pubblica attraverso comportamenti che mettono a rischio la sicurezza del territorio. E’ necessario approvare immediatamente una serie di misure che regolamentano questo tipo di attività, prevedendo una distanza minima dalle scuole, dai luoghi di culto, dalle caserme, dai luoghi di cura, rendendone di fatto più difficile l’accesso alle fasce più a rischio della popolazione, così come previsto da altri comuni italiani come Parma, Livorno e Firenze e accogliendo un invito, risalente al lontano 1990, con cui il Prefetto di Roma esortava l’amministrazione ad emanare provvedimenti in tal senso. Da oltre due anni siamo in attesa che il Dipartimento Commercio di Roma Capitale si renda conto di questa emergenza" conclude Santori.

Roma 4 giugno 2011

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl