XVII Municipio

bancarelle, a due passi da S. Pietro, dove si può trovare ogni genere di

27/dic/2005 08.47.21 Francesco Alario Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

Roma 27.12.05

 

 

Dichiarazione di Francesco Alario

Capogruppo DS del XVII Municipio

 

 

SCHIAFFONI A VERNARELLI E ALLA SUA GIUNTA

 

I DS CHIEDONO DI LIBERARE

PIAZZA RISORGIMENTO E DI NON OCCUPARLA PER ALTRI 10 ANNI

 

Vernarelli e la sua Giunta, approvando in data 16 dicembre una delibera di Giunta, dichiarata immediatamente esecutiva, con la pretesa di continuare a definire “manifestazioni culturali” la sagra di bancarelle, a due passi da S. Pietro, dove si può trovare ogni genere di paccottiglia, volevano a tutti i costi trasformare per i prossimi 10 anni Piazza Risorgimento in un Suk.

 

I DS, insieme alle altre forze politiche, ritenendo la delibera illegittima, in data 21 dicembre con un esposto/ricorso, hanno chiesto al Sindaco, all’Assessore alle politiche del Commercio e al Segretario Generale del Comune di Roma di attivare - in sede di autotutela -  le procedure necessarie per far revocare tale delibera. Hanno chiesto, inoltre, di segnalare tale episodio all’Autorità giudiziaria per l’eventuale qualificazione di competenza.

 

Grandissima è stata la soddisfazione nell’apprendere che il Sindaco Veltroni, in tempi più che reali,  ha dato mandato al Segretario Generale di impugnare la delibera del Municipio.

 

Denunciavo, infatti, lo scandalo di un Avviso Pubblico che pretendeva di programmare attività/manifestazioni culturali per i prossimi 10 anni, ma che veniva pubblicato all’Albo Pretorio il 19 dicembre 2005 fissando il termine del 3 gennaio 2006 per la presentazione delle domande e dei progetti; anche volendo riconoscere agli autori la buona fede, il periodo festivo autorizzava ogni forma di sospetto di clientelismo anche in considerazione dei criteri di selezione stabiliti che in ordine crescente di priorità sarebbero:

 

a)      presentazione dei progetti in ordine temporale;

b)      il privato o l'Associazione che abbia già realizzato iniziative analoghe nel settore ed in particolare nel Municipio negli ultimi due anni;

c)      la presentazione di strutture che abbiano ottenuto il parere  positivo della Sovrintendenza ai Beni Ambientali e Monumentali del Ministero dei Beni Culturali.

 

Denunciavo la pretesa di concedere un ingiusto diritto a quelle due o tre Associazioni che attualmente occupano piazza Risorgimento  e che potrebbero vantarlo an­che nel periodo successivo all’attuale amministrazione di centrodestra; denunciavo il grave danno erariale che potrebbe derivare in caso di successiva revoca da parte della prossima giunta del Municipio.

 

Il mio personale impegno, quello dei DS del XVII Municipio e di tutte le forze del Centrosinistra è quello di restituire Piazza Risorgimento ai residenti, ai Romani e ai milioni di turisti che visitano S. Pietro.

 

                                                                       Francesco Alario

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl