NON ACCETTIAMO LEZIONI DA PEDICA

COMUNICATO STAMPA MANOVRA - GIUDICI (PDL): NON ACCETTIAMO LEZIONI DA PEDICA Azzeramento emolumenti dei consiglieri è fallimento della politica nazionale.

Persone Marco Giudici Consigliere, Marco Giudici, Marco Giudici, Pedica, Veltroni
Luoghi Roma, Lombardia
Organizzazioni Municipio XVI, Camera dei deputati, Senato, Italia dei Valori, Popolo delle Libertà
Argomenti politica, parlamento

07/dic/2011 17.12.48 Marco Giudici - Consigliere Municipio XVI - Pdl Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

MANOVRA - GIUDICI (PDL): NON ACCETTIAMO LEZIONI DA PEDICA
Azzeramento emolumenti dei consiglieri é fallimento della politica nazionale.

"Non accettiamo lezioni dal senatore Pedica, che negli anni ha cambiato partiti e movimenti secondo l'occorrenza, romano eletto in Lombardia nel 2006 alla Camera perché inserito dal partito nel listino bloccato grazie al porcellum, beneficiario di uno stipendo e di benefit da urlo, che ha girato la giostra del parlamento passando dalla poltrona della camera a quella del senato. Giro molto il territorio, ma non l'ho mai visto, non conosco una persona che lo ha votato, non so cosa di buono abbia fatto oltre ai proclami scritti sulla stampa. Piuttosto, so che l'IDV ha contribuito a disastrare Roma con il sindaco Veltroni e che oggi non ha piu' rappresentanti in consiglio comunale. Non capisco quindi con quale dignita' il senatore Pedica si pronunci additando noi esponenti locali, che siamo le api operaie della politica e gli ultimi rimasti a credere nelle idee che sostengono". Lo dichiara in una nota Marco Giudici, consigliere del Municipio XVI del Popolo della Liberta'.

"Sia alla camera che al Senato - prosegue Giudici - ci sono fenomeni da baraccone che non hanno neanche un voto perché sono stati nominati dai partiti ed eletti in regioni diverse da quella di provenienza, ci sono benestanti che non hanno dato alcun contributo politico al paese ma continuano a sfruttare il parlamento come fosse un bancomat, ci sono personaggi che non credono nelle idee che manifestano. L'azzeramento degli emolumenti dei consiglieri degli enti locali rappresenta l'ennesimo fallimento dei politici seduti in parlamento, che non si battono per difendere la dignita' della politica, continuando a non ad assumersi le proprie responsabilita'. Questa politica dei nominati che taglia le teste agli eletti continua a fare solo danni. Noi siamo gli esponenti piu' vicini alla gente, conosciamo a memoria ogni angolo di territorio. Abbiamo costi veri da sostenere, per comunicare con le persone, per spostarci su municipi grandi come capoluoghi di provincia, per pagare le sezioni. Noi mettiamo la faccia su tutto ció che facciamo, pubblichiamo su internet i nostri cellulari e non abbiamo segretarie al nostro servizio. La gente crede in noi e solo in noi, non nei parlamentari che latitano dai territori. Azzerare gli emolumenti significa fare un grande passo indietro e spegnere il motore della buona politica' accentrando ancora di piu' il potere nelle mani dei parlamentari".

 

Marco Giudici

Consigliere del Municipio XVI di Roma Capitale

Gruppo consiliare Il Popolo della Libertà

 

Mobile: 3476569354

E-mail: info@marcogiudici.it

Website: www.marcogiudici.it

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl