SCOPPIA LA GAZZARRA PER UN GHETTO

Allegati

05/mar/2006 01.50.26 Consigliere del Municipio Roma XVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


Dott.  FABRIZIO SANTORI

Consigliere  Comune di Roma  XVI Municipio

Via D. DE BLASI, 57 (monteverde – porta portese - bravetta – pisana - massimina) 00151 roma

tel. pers.  339-7360574      www.fabriziosantori.com

f.santori@libero.it

COMUNICATO STAMPA

 

ROMA: UN GHETTO DIMENTICATO

Tra immondizia, topi, fognature e ascensori guasti

vivono cittadini dimenticati dalle Istituzioni

 

AN: “MENTRE SCOPPIA LA GAZZARRA CHIEDIAMO DIGNITA’ PER I CITTADINI CHE VIVONO NEL RESIDENCE

 

“Mentre il centrosinistra con Di Francia(Verdi) e Montino(Ds) salgono sul piedistallo preoccupandosi di attaccare An, all’interno del Residence Roma continuano a vivere uomini e donne, alcuni disabili e altri malati, tra immondizia, topi, fognature guaste, perdite d’acqua e umidità nei propri appartamenti, senza riscaldamenti e con gli ascensori murati” lo dichiarano con una nota Fabrizio SANTORI(AN) consigliere del XVI Municipio di Roma e Federico ROCCA (AN), vicepresidente del Consiglio del Municipio XV.

 

“Chiediamo dignità per questi cittadini che vengono spostati come pacchi in giro per la città e vorrei ricordare al sig. Montino che questi nostri connazionali hanno già assegnato un appartamento del Comune ma sono in attesa da 10 di anni di un alloggio popolare quindi sono stanchi di un’altra sistemazione provvisoria e soprattutto non vogliono rivivere in altre parti di Roma l’incubo di un nuovo Residence – denuncia la nota -  la sig.ra Renza, classe 1934 disabile e non deambulante, fu portata 10 anni fa nel Residence con la promessa di una sistemazione alternativa invece sono stati 10 anni di sopravvivenza all’interno della struttura ghetto voluta dal Comune di Roma, ormai da quasi un anno nella sua palazzina D ci sono gli ascensori murati”.

 

“Lo stesso per la sig. Rosa e per il sig Mario, malati di cuore attendono da 9 anni una sistemazione alternativa e tutto intorno topi, immondizia sparsa ovunque persino nei pianerottoli, odori nauseanti per la rottura continua delle fognature e ormai da quattro mesi gli abitanti del Residence vivono senza acqua calda e riscaldamenti tagliati dalla proprietà in vista dello sfratto definitivo – continua la nota – mentre il centrosinistra affigge manifesti di vittoria, va in televisione, scrive ai giornali le ricordiamo che sono state spostate solo 37 famiglie su 140 per il resto a Bravetta è rimasto tutto come prima: sia i tanti cittadini extracomunitari, per la maggior parte clandestini, protetti e alloggiati dalla sinistra nel Residence, continuano a vivere nel degrado e sia quella tanto osannata dignità umana che viene calpestata tutti i giorni continuando a fare finta di non sapere cosa accade all’interno dove il  rispetto e la considerazione hanno raggiunto ormai livelli vergognosi per una società civile”.

 

 

Roma 5 marzo 2006

 

Le foto che dimostrano le condizioni disumane in cui vivono

I cittadini del Residence.

http://www.fabriziosantori.com/modules.php?name=News&file=article&sid=349

 

 

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl