DISABILI DEL MUNICIPIO DISCRIMINATI

05/apr/2006 10.51.13 Consigliere del Municipio Roma XVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATO STAMPA

 

roma: RICHIESTA CONTRASSEGNO DI CIRCOLAZIONE PER INVALIDI

 

AN: “disabili del municipio discrimiNATI PER CARENZA DI PERSONALE”

 

da fabriziosantori.com - IL MUNICIPIO DISCRIMINA I DISABILI

 

“Il Comune di Roma prosegue nella sua opera discriminatrice nei confronti dei disabili del territorio” lo dichiara con una nota il consigliere del Municipio Roma XVI, Fabrizio SANTORI (AN).

 

“Da diversi anni il Municipio Roma XVI, nei suoi uffici aperti per le richieste dei portatori di handicap, non permette la possibilità ai disabili di richiedere il contrassegno speciale di circolazione propedeutico alla richiesta del parcheggio riservato sotto la propria abitazione – denuncia Santori – purtroppo bisogna sottolineare il fatto che si tratta dell’unico municipio di Roma che rifiuta le richieste dei diversamente abili inviandoli agli uffici centrali del Comune di Roma in Via Ostiense”.

 

“In tutti questi anni si è permessa una politica di limitazione dell’autonomia di movimento dei portatori di handicap infatti solo da pochi mesi è stata installato un ascensore che facilita l’accesso all’ufficio interdisciplinare traffico e segnaletica stradale, competente in materia di rilascio delle richieste per i posti macchina riservati agli invalidi, da sempre limitato da due rampe di scale senza alcun tipo di assistenza tecnica tale da consentire alle persone con disabilità di poter fruire dei servizi erogati dalla pubblica amministrazione – prosegue l’esponente di AN – ora la nuova nota dolente che riguarda un mancato decentramento motivato dalla giunta di centrosinistra con una carenza di personale”.

 

“Già ai disabili non è consentito transitare liberamente e senza ostacoli sui marciapiedi di Roma  per mancanza di scivoli e corrimano – conclude SANTORI – ora siamo all’assurdo, si complica la già difficile autonomia di movimento dei disabili del territorio che sono costretti, a causa della grave disorganizzazione dell’amministrazione, a raggiungere luoghi lontani e già intasati da file e burocrazia solo per usufruire di un loro diritto”.

 

 

Roma 5 aprile 2006

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl