RIFIUTI. BELLINI: «CONVOCHEREMO UN TAVOLO»

BELLINI: «CONVOCHEREMO UN TAVOLO»COMUNICATO STAMPARIFIUTI.

01/lug/2006 15.12.00 Municipio Roma XVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.
COMUNICATO STAMPA

RIFIUTI. BELLINI: «CONVOCHEREMO UN TAVOLO CON COMITATI E ASSOCIAZIONIPER PROPORRE IN SEDE ISTITUZIONALE SOLUZIONI CONCERTATE»


Sarà il presidente del Municipio Roma XVI, FabioBellini, nel cui territorio ricade la discarica di Malagrotta, acreare un tavolo sul tema della gestione dei rifiuti a Roma. «Sarà untavolo concertativo cui saranno chiamati a partecipare i comitati, lerealtà imprenditoriali e le associazioni di cittadini e ambientalisteallo scopo di tracciare un percorso di condivisione e trasparenza e perassumere nelle prossime settimane, come istituzione, una decisionedefinitiva per dare una risposta certa e chiara ai residenti e aglioperatori riguardo all’emergenza ambientale che esiste nel Municipio RomaXVI», spiega Fabio Bellini. «E’ importante questo passo ancheperché non è più tempo d’indugiare. Come Municipio il temadell’esaurimento della discarica e dell’inquinamento dell’area losolleviamo costantemente da tre anni, finora senza molti riscontri».

Appena dopo l’insediamento del nuovo Consiglio, previsto per martedìprossimo, 4 luglio, Il Municipio Roma XVI affronterà dunque insieme allerealtà territoriali il complesso dei temi ambientali dell’area diMassimina-Malagrotta che derivano dalla presenza delle discarica,dell’inceneritore dei rifiuti ospedalieri e della raffineria, anche inconsiderazione delle iniziative di questi giorni della Rete regionalerifiuti e del Comitato per la chiusura della discarica diMalagrotta.

«Ribadisco la nostra posizione: vogliamo la chiusura della discarica euna decisione definitiva sul ciclo dei rifiuti, ma vogliamo anche che ditutte le questioni ambientali riguardanti l’area diMalagrotta-Massimina-Valle Galeria se ne parli con i cittadini, che datroppi anni subiscono pesantissimi disagi ambientali», sottolinea ilpresidente Bellini, «nel nostro territorio vi sono un inceneritoredi rifiuti ospedalieri, la più grande discarica d’Europa e una enormeraffineria. Come già formalizzato in un ordine del giorno approvato inConsiglio, ipotizziamo anche la chiusura dell’inceneritore e ladelocalizzazione della raffineria».

Roma, 1 luglio 2006
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl