GUANO DI PICCIONE CONSOLIDATO DA ANNI

14/ott/2006 14.20.00 Consigliere del Municipio Roma XVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

ROMA SCUOLE: EDIFICI ABBANDONATI DAL COMUNE

 

AN: “GUANO DI PICCIONE CONSOLIDATO DA ANNI RISCHIOSOPER LA SALUTE DEI BAMBINI”.

 

Cliccaper vedere le foto dell’esterno della scuola

 

“I genitori degli alunni dellaFranceschi sono pronti a non mandare i propri figli a scuola in Via DonnaOlimpia, 45 aMonteverde per i gravi rischi epidemiologici insiti nella mancata pulizia dinumerosi spazi e locali della struttura infestati dal guano di piccione ormaiconsolidato da anni” è quanto dichiara Fabrizio Santori,capogruppo di An del Municipio Roma XVI.

 

“A nulla sono serviti inumerosi esposti e le denunce inviate anche lo scorso anno scolastico alPresidente del Municipio da parte dell’intero corpo docente e deigenitori che da mesi attendono un intervento risolutivo da parte delle ditteincaricate dall’amministrazione ma ormai la situazione è altamenterischiosa per la salute dei bambini, – denuncia la nota – ildeposito di guano di piccione è ormai consolidato da anni nei due cortiliinterni, lungo i cornicioni in corrispondenza di ciascun piano, nella trombadelle scale e nel vano ascensore non solo causando l’impossibilità diutilizzare alcuni spazi della scuola ma destando una continua preoccupazionenegli operatori scolastici e nelle famiglie perché è noto che gli escrementidel volatile sono un fortissimo veicolo di trasmissione di malattieinfettive”.

“Il piccione è portatore di circa60 malattie, alcune delle quali mortali, contagiose per l'uomo e per glianimali domestici, i cui agenti patogeni vengono trovati nei loro escrementi.Salmonellosi, criptococcosi, istoplasmosi, ornitosi, aspergillosi, candidosi,clamidosi, coccidiosi, encefalite, tubercolosi, potrebbero essere trasmesseagli alunni senza il necessario contatto diretto può bastare il vento, gliaspiratori, i ventilatori che trasportando la polvere infetta delle deiezionisecche contaminano gli alimenti, gli utensili da cucina, la biancheria, edinnescando i processi infettivi – conclude l’esponente di AN– per questo senza creare allarmismi inutili, nonostante il livello diattenzione anche sul virus dell’influenza aviaria, consideriamo grave l’atteggiamentodell’amministrazione che in questi casi dovrebbe dare priorità e adottaremisure ferree per l’igiene e la salubrità dei luoghi pubblici e inparticolare le scuole che accolgono tutti giorni numerosi bambini espostimaggiormente a tali rischi”.

 

 

Roma 14/10/2006

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl