VELTRONI PREFERISCE NICOLE KIDMAN A LYDA BORELLI?

ROMA FESTA DEL CINEMA: IL GRANDEBLUFF LETTERA APERTA A VELTRONI Cliccaper vedere la foto dell ingresso del Museo del Cinema e dello Spettacolo www.fabriziosantori.com AN: A Roma esiste una grande realtà culturalecinematografica dimenticata.

15/ott/2006 16.00.00 Consigliere del Municipio Roma XVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

ROMA FESTA DEL CINEMA: IL GRANDEBLUFF

 

LETTERA APERTA A VELTRONI

 

Cliccaper vedere la foto dell’ingresso del Museo del Cinema e dello Spettacolo

 

www.fabriziosantori.com

 

AN: “A Roma esiste una grande realtà culturalecinematografica dimenticata”.

 

“Mi permetta di dirle che lafamosa pellicola Il Grande Bluff rispecchia quel percorso di illusioneculturale fatto di sfavillanti feste e futili raduni da Lei organizzati inpompa magna insieme alla sua giunta dimenticando la vera grande realtàculturale cinematografica della Capitale”questo è l’inizio della missiva di Fabrizio Santori,capogruppo di An del Municipio Roma XVI, inviata al Sindaco di Roma facendo unpreciso riferimento alla Festa del Cinema in corso in questi giorni a Roma.

 

“Mentre Lei promuove il cinemainternazionale al Campidoglio non si preoccupa delle opere d’arte deipionieri del cinema romano conservati e ingiustamente dimenticatiall’interno del Museo internazionale del cinema e dello spettacolo in ViaPortuense 101, – prosegue la lettera – con tutto il rispetto per isuoi amici e le sue amiche Bellucci, Connery, Martin Scorsese, Leonardo DiCaprio e tanti altri divi del panorama mondiale  il Mics è la vera e unicagrande realtà culturale, sociale e museografica che abbiamo la fortuna di averea pochi passi dal centro di Roma, la città del cinema per eccellenza, e cherappresenta una risposta e una presenza alternativa seria e qualificata aldeclino del cinema nazionale e internazionale”.

 

“Un’amministrazione seria e lontana dallapersonalizzazione della politica dovrebbe valorizzare l’enorme patrimonioinestimabile e raro presente nel Mics, costituente la memoria storicacollettiva dell'umanità a livello mondiale, e le innumerevoliattestazioni  spontanee di apprezzamento per le opere presenti nel museone sono una prova ma probabilmente neanche lo ha mai visitato: – concludel’esponente di AN – domani proprio Lei, appassionato cinefilo, nonsi vorrà macchiare di una grave perdita per il patrimonio cinematograficomondiale e che rischia di deteriorarsi per le gravi difficoltà economiche incui versa il museo. Non bastava forse accantonare solo una piccola parte delleingenti spese di gestione e di promozione del pomposo festival del cinema?Oppure non mi dica che Lei a Francesca Bertini e Lyda Borelli preferisce NicolaKidman e a Enrico Guazzoni, Filoteo Alberini, Carmine Gallone, Leopoldo Fregoliforse privilegia Besson, Costner, Julia Roberts, Richard Gere, e chi più ne hapiù ne metta, tanto a pagare siamo sempre noi cittadini romani? Di certol’esclusione di Sofia Loren non ci fa ben sperare”.

 

 

Roma 15/10/2006

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl