VIGILINI APPOSTATI DIETRO L'ALBERO

VIGILINI APPOSTATI DIETRO L'ALBERO ROMA, MULTE: IL VIZIETTO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO SANTORI(AN): â__DOVEFINISCONO GLI INCASSI MILIONARI ?

31/lug/2007 16.10.00 Consigliere del Municipio Roma XVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

ROMA, MULTE: IL VIZIETTO DEGLI AUSILIARI DEL TRAFFICO

 

SANTORI(AN): “DOVEFINISCONO GLI INCASSI MILIONARI ? ”

 

Clicca SUWWW.FABRIZIOSANTORI.COM per le FOTO ESCLUSIVE CHE HANNO FATTOINDIGNARE I CITTADINI ROMANI:

 

AGENTI ACCERTATORIAPPOSTATI DIETRO ALBERO

 

 

“Nascondersi vilmente dietro unalbero per cogliere in flagrante i trasgressori in un tratto di corsiapreferenziale insignificante è pura malafede, tipica di chi mira solo atogliere soldi ai cittadini” è quanto denuncia Fabrizio Santori,capogruppo di AN del Municipio Roma XVI,  il quale ha documentato ilcomportamento degli ausiliari del traffico intenti a multareincondizionatamente gli automobilisti romani, sempre più spremuti come limoni”

 

“In particolare in Via Cernaiadirezione Via Goito è scandaloso come vengano elevate migliaia di multe al mesesoprattutto nei confronti di moto e motorini da parte degli agenti appostatori,così come vengono ormai definiti gli agenti accertatori, che contestano lacircolazione de mezzi nella corsia di percorrenza riservata ai mezzi pubblici,- denuncia la nota – fermo restando che il tratto della corsia preferenziale,lunga appena 250 metri,appare inutile e non necessaria per agevolare il passaggio dei mezzi pubbliciconsiderato il fatto che la via è scarsamente trafficata ma addirittura moltimotociclisti giurano addirittura di non aver mai circolato in quel tratto distrada o di aver rispettato il codice della strada”.

 

“La gravità dell’atteggiamento dei vigilini sta comunque nel metodoprofondamente scorretto di imboscarsi senza alcunadivisa né segno di riconoscimento: - prosegue la nota - i principi che muovonole sanzioni sta nel palesarsi per prevenire le violazioni del codice dellastrada e rendersi visibili per educare l’automobilista o il motociclista alcodice della strada ben diverso da chi nasconde la sua presenza per salassare icittadini”.

 

 “Il Comune di Roma incassa circa210 milioni di € l’anno per le multe e la passione dell’amministrazione perogni possibile sistema di rilevamento e di sanzione per fare cassa è increscente aumento ma a questo punto vogliamo sapere dove fanno a finire gliincassi ? Perché l’amministrazione continua a nascondersi dietro il santinodella sicurezza stradale senza invece palesare le sue reali intenzioni? Non èun caso infatti che la motivazione della mancata contestazione che vienesollevata nei verbali di violazione è l’impossibilità di fermare il mezzo pernon intralciare il servizio pubblico di trasporto che nel caso di Via Cernaiarisulta una motivazione assolutamente falsa. – conclude la nota – Chiederemo alPrefetto di Roma di annullare tutte le multe dubbie commissionate dalla giuntaVeltroni agli ausiliari del traffico, finchè non verrà chiarito il legame chec’è tra i fondi derivanti dalle multe e la loro relativa destinazione nel pianodegli investimenti del Comune di Roma considerato che gli incassi vengonogestiti esclusivamente da aziende satellite dell’amministrazione capitolina”.

 

 

Roma31/07/2007

 

PERINFO

WWW.FABRIZIOSANTORI.COM

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl