LA PROVA: MALAGROTTA NON CHIUDERA'

"In questi mesi il Consigliodel Municipio si è riunito più volte per dibattere sulla tematica, mentre ilPresidente del Municipio e l'assessore competente erano già a conoscenzadi tale documento che certifica la volontà della Regione Lazio di allargare ladiscarica in altezza, - denuncia la nota - tali gravi carenze nelrispetto della dovuta tempistica riguardante la comunicazione del provvedimentocomporta oltremodo l'impossibilità di provvedere a presentare, insieme aicittadini interessati, ricorso innanzi al TAR del Lazio, possibile solo entro60 giorni dall'avvenuta notifica".

16/nov/2007 18.30.00 Consigliere del Municipio Roma XVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

ROMA, RIFIUTI: 

ECCO LA PROVA CHE LA DISCARICA DIMALAGROTTA NON CHIUDERA’

 

CDL MUNICIPIO XVI: “CHIEDIAMO DIMISSIONI ASSESSOREALL’AMBIENTE”

 

“Risulta quantomai scandalosol’atteggiamento irresponsabile e misterioso assunto dalla giuntamunicipale in merito ai provvedimenti riguardanti la discarica di Malagrotta,tenuti in gran segreto per quasi 4 mesi” lo dichiarano con una notacongiunta Fabrizio Santori (AN), Gianni De Lucia (FI), Antonio Crisciotti (UDC),capigruppo della Cdl del XVI Municipio di Roma, i quali rendono notol’esistenza di un’ordinanza del commissario per l’emergenzarifiuti del Lazio, Piero Marrazzo, datata 25 luglio 2007 con all’oggettol’autorizzazione alla società E.Giovi srl al recupero delle volumetrieconnesse all’adeguamento del sistema di copertura dei lotti B,E,G eC,H,I,L pervenuta in commissione ambiente solo nella giornata odierna.

 

“In questi mesi il Consigliodel Municipio si è riunito più volte per dibattere sulla tematica, mentre ilPresidente del Municipio e l’assessore competente erano già a conoscenzadi tale documento che certifica la volontà della Regione Lazio di allargare ladiscarica in altezza, – denuncia la nota - tali gravi carenze nelrispetto della dovuta tempistica riguardante la comunicazione del provvedimentocomporta oltremodo l’impossibilità di provvedere a presentare, insieme aicittadini interessati, ricorso innanzi al TAR del Lazio, possibile solo entro60 giorni dall’avvenuta notifica”.

 

“L’ordinanza consente,nonostante le promesse e le garanzie sulla impossibilità dell’ampliamentodella discarica di Malagrotta e della sua chiusura entro il 31 dicembre 2007,lo smaltimento di ulteriori quantitativi di rifiuti in numerosi lotti già alcollasso e chiusi da tempo, ma che verranno nuovamente riutilizzati, inaltezza, per assorbire altre centinaia di tonnellate di rifiuti provenientidalla città di Roma, Ciampino, Fiumicino e Vaticano, – prosegue la nota– questo è l’ennesimo meschino escamotage per celare le vere intenzionedella maggioranza di centrosinistra che continua beffarsi dei residenti e dellasalute pubblica”.

 

“Lunedì19 novembre durante il consiglio straordinario del Municipio XVI sullaquestione della discarica di Malagrotta, che si terrà nella sede della RegioneLazio, - conclude la nota - chiederemo le dimissioni dell’assessore verdeall’ambiente del Municipio per gravi inadempienze a danno dei cittadiniche renderemo pubbliche nei prossimi giorni insieme al testo del provvedimentosull’allargamento della discarica”.

 

Roma16/11/2007

 

PERINFO

WWW.FABRIZIOSANTORI.COM

3397360574

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl