MORICCIOLI: CONTINUA L'IMPUNITA' DEL COMUNE

25/gen/2008 10.20.00 Consigliere del Municipio Roma XVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

ROMA, PROCESSOMORICCIOLI

 

AN: “CONTINUAL’IMPUNITA’ DELLA GIUNTA VELTRONI SULL’INSICUREZZA DELLEPISTE CICLABILI”

 

“UNA GIUSTIZIAA DUE VELOCITA’”

 

“Documenti ufficiali, denunce,esposti, segnalazioni, interventi mai effettuati, diffide delle forzedell’ordine certificano come il Comune di Roma era a conoscenza dei gravirischi che comportava la percorribilità della pista ciclabile lungo ilTevere” lo dichiara con una nota Fabrizio Santori,capogruppo di AN del Municipio Roma XVIche “esprime un forte  rammarico per il rigetto da parte del gip deltribunale di Roma della richiesta della famiglia Moriccioli di citare nelprocesso per la morte di Luigi il comune di Roma quale corresponsabile dellagrave aggressione avvenuta nell’agosto del 2007”.

 

“Noncomprendiamo come sia stata possibile questa decisione così bizzarra da partedel gip  – prosegue la nota – credo sia giusto applicare lo stessoprincipio, definito dal codice civile, della corresponsabilità dei proprietaridelle strade private in caso di incidente i quali sono costretti a risarcire ilmalcapitato che abbai subito un danno a seguito della mancata manutenzionedella carreggiata oppure allo stesso modo, il comune che consente allacollettività l’utilizzazione del pubblico transito di un’area diproprietà privata, assume l’obbligo di accertarsi che la manutenzionedell’area e dei relativi manufatti non sia trascurata el’inosservanza di tale dovere di sorveglianza, per il principio del neminem laedere, integra gli estremi dellacolpa e determina la responsabilità ex articolo 2043 del codice civile per ildanno cagionato all’utente dell’area, a nulla rilevando, chel’obbligo della manutenzione incomba sul proprietario dell’areamedesima (CASSAZIONE, 15 giugno 1979, n° 3387). Per tutti questi motiviriteniamo atroce la decisione presa lo scorso 23 gennaio dal tribunale di Romanei confronti della famiglia Moriccioli e di tutti i cittadini che ormai hannosolo sete di giustizia”.

 

“Condanniamo questa giustiziaa due velocità che vede da un lato tutelare sempre le pubbliche amministrazionianche di fronte a violenze così inaudite e dall’altro vessare i cittadiniche tutti i giorni subiscono profonde prevaricazioni daun’amministrazione totalmente latitante – conclude la nota –il sindaco Veltroni, con questo ultimo capolavoro del bando per il controllo dellepiste ciclabili riservato esclusivamente ai giardinieri, faccia mea culpa e sirenda conto che la sua politica rappresenta lo specchio dell’insicurezzama soprattutto evidenzia l’immobilismo della macchina amministrativa difronte un problema così urgente e serio quale è la sicurezza el’incolumità pubblica”.

 

Roma 25gennaio 2008

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl