PRG: ORA DIMISSIONI IN BLOCCO DEI CONSIGLIERI COMUNALI

11/feb/2008 14.30.00 Consigliere del Municipio Roma XVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

ROMA, PRG: SOSPENDERE SEDUTE AULA GIULIO CESARE

 

palma-SANTORI(an): “PRIMA DI VELTRONI SI DIMETTANO IN BLOCCO ICONSIGLIERI COMUNALI”

 

“ASSESSORE XX MUNICIPIO CLARKE HA RAGIONE”

 

“La forzatura imposta dalsindaco Veltroni sulla ratifica del Prg approvandolo esclusivamente dalConsiglio Comunale rappresenta una grave violazione amministrativa ma soprattuttouna pessima estromissione dei consessi territoriali municipali che, come alsolito, verrebbero esclusi dal processo partecipativo e decisionale” lodichiarano con una nota Fabrizio Santori, responsabile di An Roma per le politiche municipali,Marco Palma, capogruppo di AN delMunicipio XV e i vice capigruppo Augusto Santori (Municipio XV) e Antonio Aumenta(Municipio XVI) in merito alla richiesta dell’assessore Marco Clarke delXX Municipio di Roma di sospendere le sedute di Consiglio comunale dedicatealla ratifica del Prg vista “la gravissima irregolarità e violazione delRegolamento del Decentramento Amministrativo  e in particolaredell’articolo 6 comma 1 lettera d” che cita testualmente il Consiglio Municipale esprime il parereobbligatorio sugli atti riguardanti i piani territoriali e urbanistici generalie particolareggiati, gli strumenti urbanistici.

 

“Il Consiglio Comunale,convocato in seduta odierna per la ratifica del Prg e a soli tre giorni dellaconclusione per dimissioni anticipate del mandato di Veltroni, non può e nondeve procedere alla discussione perché abbiamo già pronto il ricorso al Tar delLazio per annullare la delibera di approvazione definitiva del Prg in quantonon prevede il processo di acquisizione dei necessari e obbligatori pareri deiConsigli Municipali, – conclude la nota – fare le barricate in aulacon questa maggioranza che con un blitz vuole a tutti i costi calpestare ildecentramento e la partecipazione dei cittadini per meri interessi di ediliziaspeculativa potrebbe risultare insufficiente, è necessario dunque che iconsiglieri di opposizione si dimettano in blocco prima delle dimissioni delSindaco previste per il 14 febbraio in maniera tale da bloccare l’iterdel Consiglio Comunale che non risulterebbe nel pieno dei suoi poteri”.

 

Roma 11 febbraio 2008

 

Per info www.fabriziosantori.com

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl