ECCO PERCHE' CI CHIAMANO BAMBOCCIONI

ECCO PERCHE' CI CHIAMANO BAMBOCCIONI ROMA, BANDO PER LE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE Santori (An):"Ecco perchè ci chiamano Bamboccioni".

26/feb/2008 13.49.00 Consigliere del Municipio Roma XVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

ROMA, BANDO PER LE AGEVOLAZIONI ALLE IMPRESE

 

Santori (An):“Ecco perchè ci chiamano Bamboccioni.”

“ Il Comunedi Roma investe sugli extracomunitari”

 

“E’ vergognoso che ilComune di Roma possa prevedere delle agevolazioni per le imprese costituite da cittadiniimmigrati, quando la situazione lavorativa di tanti giovani italiani è alquantocritica” – dichiara in una nota Fabrizio Santori,responsabile delle politiche dei municipi di An  - che commenta negativamentequanto previsto dal bando dell’Assessorato alle politiche per leperiferie,  pubblicato il 13 febbraio scorso, che prevede la concessione difondi per sostenere progetti imprenditoriali da parte di cittadiniextracomunitari.

”E’ più che normale - prosegue Santori - che prima di garantire l’occupazione a chi proviene dapaesi stranieri bisognerebbe pensare ai nostri  connazionali, che  per trovareuna situazione lavorativa stabile spesso sono costretti a trasferirsi altrove,lontano dagli affetti e dalla loro patria.

Si prova molta rabbia a pensare chei giovani possano essere definiti impropriamente “bamboccioni”proprio da alcuni esponenti del centro sinistra che  non fanno molto persostenerli, ironizzando per giunta sul fatto che vivono nella casa paterna finoad  età avanzata perché impossibilitati a mantenersi da soli  e costruirsi unafamiglia a causa della precarietà lavorativa e del caro alloggi.

Nulla in contrario ai sostegni agliimmigrati, ma non si può penalizzare chi è nato e cresciuto a  Roma favorendochi viene da fuori.  Ritengo che politiche del genere rappresentino  una formadi razzismo al contrario – incalza Santori .

Sono tanti i giovani italiani chehanno bisogno di sussidi per investire nell’imprenditoria, ovviando cosìalla carenza di posti nel lavoro dipendente. E’ a loro che il Comunedovrebbe dare, in primis, risposte concrete. E’ a loro che dovrebbegarantire la precedenza dal punto di vista dei fondi, del lavoro , deglialloggi e dei posti nelle scuole, occupate oramai in prevalenza da stranieriche hanno finito  per scalzare i nostri figli, mettendo in ginocchio ed indifficoltà tante famiglie italiane  finite in lista d’attesa e costrettea pagare strutture private.”

 

Roma, 26/02/2007

 

Info:www.fabriziosantori.com – Cell: 339/7360574

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl