SOSPESO IL SERVIZIO SI SPEDIZIONE DEI CERTIFICATI A DOMICILIO

SOSPESO IL SERVIZIO SI SPEDIZIONE DEI CERTIFICATI A DOMICILIO COMUNICATOSTAMPA ROMA, ANAGRAFICO: SOSPESO IL SERVIZIO DISPEDIZIONE DEI CERTIFICATI A DOMICILIO â__CERTITELâ__ Santori (Pdl): â__Comune di Roma costringe cittadini a rivolgersi alle agenzie diserviziâ__ â__Con 30 â_¬ a certificato i cittadini evitanotempi faraonici e disserviziâ__ â__Il servizio per la spedizione dei certificati a domicilio del Comune di Roma,â__Certitelâ__, à stato disattivato, pur essendo ancora pubblicizzato online sulsito del Comune di Romaâ__ - dichiara in una nota Fabrizio Santori,responsabile per le politiche dei municipi di An Roma - che denuncia questagrave beffa ai danni dei cittadini romani privati da almeno due mesidellâ__opportunità di ricevere a casa, in tempi brevi, certificati anagrafici, distato civile ed estratti. â__Gli utenti che hanno bisogno di un certificato, oramai, vengono presi in girodue volte â_" continua la nota â_" perché o accettano di passare interminabili orein fila, sia nella fase della richiesta che del ritiro del certificato pressogli uffici anagrafici, o si vedono costretti a sborsare cifre esorbitanti alleagenzie di servizi per ottenere i documenti, ovviando così ai lunghi periodi diattesa previsti.

29/feb/2008 13.49.00 Consigliere del Municipio Roma XVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATOSTAMPA

ROMA, ANAGRAFICO: SOSPESO IL SERVIZIO DISPEDIZIONE DEI CERTIFICATI A DOMICILIO “CERTITEL”

Santori (Pdl): “Comune di Roma costringe cittadini a rivolgersi alle agenzie diservizi”

 

“Con 30 € a certificato i cittadini evitanotempi faraonici e disservizi”

“Il servizio per la spedizione dei certificati a domicilio del Comune di Roma,“Certitel”, è stato disattivato, pur essendo ancora pubblicizzato online sulsito del Comune di Roma” - dichiara in una nota Fabrizio Santori,responsabile per le politiche dei municipi di An Roma - che denuncia questagrave beffa ai danni dei cittadini romani privati da almeno due mesidell’opportunità di ricevere a casa, in tempi brevi, certificati anagrafici, distato civile ed estratti.
“Gli utenti che hanno bisogno di un certificato, oramai, vengono presi in girodue volte – continua la nota – perché o accettano di passare interminabili orein fila, sia nella fase della richiesta che del ritiro del certificato pressogli uffici anagrafici, o si vedono costretti a sborsare cifre esorbitanti alleagenzie di servizi per ottenere i documenti, ovviando così ai lunghi periodi diattesa previsti.
Riceviamo continue lamentele da parte della cittadinanza che, disillusadall’esistenza di un servizio fantasma, per entrare in possesso in tempi utilidi un certificato è obbligata a rivolgersi ai centri servizi privati pagandocirca trenta euro, a fronte dei 6 euro previsti dall’oramai ex servizioCertitel.
Non capiamo come mai - conclude la nota – il Comune di Roma abbia disattivatoquesto servizio in maniera subdola ed immotivata, provocando disagio emalcontento tra i cittadini che fino a poco tempo fa, con una semplicetelefonata al 186, potevano richiedere fino a tre certificati che venivanorecapitati nel giro di tre giorni comodamente a casa, a differenza dei 20giorni di attesa previsti oggi per il ritiro di un documento presso gli ufficianagrafici territoriali o presso la sede centrale di Via Petroselli .”

Roma, 29/02/08

Per info: www.fabriziosantori.com – Cell: 339/7360574

PAGINA DEL COMUNE DI ROMA www.comune.roma.it



blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl