COMMISSARIATI CAPITOLINI DEGRADATI E FATISCENTI

Questa mattina i consiglieri Fabrizio Santori, responsabile dellepolitiche dei municipi di An Roma e candidato al consiglio comunale ed Antonio Aumenta,consigliere di An al municipio XVI hanno effettuato un sopralluogo nei varicommissariati capitolini riscontrando che il 90% degli stessi verte incondizioni disastrose dal punto di vista della sicurezza, dei mezzi e delpersonale in dotazione.

12/mar/2008 16.49.00 Consigliere del Municipio Roma XVI Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

COMUNICATOSTAMPA

ROMA, SICUREZZA: COMMISARIATI CAPITOLINI DEGRADATI EFATISCENTI

 

Santori (Pdl):  “Crescono i reati e diminuiscono gli investimenti. Sicurezza in forte crisi.”

 

Questa mattina i consiglieri Fabrizio Santori, responsabile dellepolitiche dei municipi di An Roma  e candidato al consiglio comunale  ed Antonio Aumenta,consigliere di An al municipio XVI hanno effettuato un sopralluogo nei  varicommissariati capitolini riscontrando che il 90% degli stessi verte incondizioni  disastrose dal punto di vista della sicurezza, dei mezzi e delpersonale in dotazione.

“Crescono i reati ediminuiscono gli investimenti – denunciano Santori ed Aumenta che sottolineano come nei singolicommissariati si registri una carenza di autovetture ed autoradio che fanno siche le volanti raggiungano il minimo storico di automezzi in uscita per turno.

Spaventoso è poi il debito dellapubblica amministrazione per la spesa legata agli immobili locati che ospitanoi commissariati. A Centocelle, ad esempio, vengono pagati cinque piani dicommissariato pressoché inutilizzati.

Il commissariato di Monteverde, poi,decentrato rispetto all’ampiezza del territorio di competenza che siestende da Porta Portese a Massimina – incalzanoSantori ed Aumenta, è ospitato in uno stabile di proprietà diprivati del quale i  primi due piani vengono utilizzati dal corpo deicarabinieri, i restanti da comuni cittadini. All’interno del commissariatomancano, inoltre, il riscaldamento ed i computer e risulta operativa una solavolante quando  è disponibile la benzina per le autovetture, su tutto ilterritorio di competenza.

Il servizio di “poliziotto diquartiere”, tanto voluto dal governo di centro destra  funziona solo nel10% dei commissariati in quanto il personale preposto viene sotto utilizzato edimpiegato in altre attività, impedito cioè nelle sue facoltà di contribuirealla sicurezza dei singoli quartieri.

Questa non è la Roma che vogliamo– concludono Santori ed Aumentache sottolineano come solo dati statistici aleatori possano descrivere  unacittà sicura quando la realtà è tutt’altra, considerato il fatto cheanche chi deve garantire la sicurezza pubblica viene ostacolato nell’adempimentodei suoi compiti quotidiani.

Come si può parlare di sicurezza,quando all’interno dei commissariati stessi non viene rispettata la legge626 e manca il personale impiegato a garantire l’ordine pubblico egestire situazioni di emergenza come manifestazioni, controlli allo stadio, neicentri di permanenza temporanea ed alle manifestazioni?”

 

Roma, 12/03/08

Per info:
www.fabriziosantori.com  – Cell:339/736057

 

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl