“Consiglia i Consiglieri” fa tappa a Torretta. Tanti i problemi della zona: «Noi qui ci sentiamo abbandonati»

10/mag/2011 16.05.02 Lodinotizie.it Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

LODINOTIZIE • Un’accoglienza decisamente calorosa quella di ieri sera da parte dei cittadini dei quartieri di San Grato, Torretta e Martinetta per la seconda tappa del tour “Consiglia i Consiglieri”, l’iniziativa nata per dar voce alle problematiche dei vari quartieri lodigiani, proprio come un tempo succedeva con i consigli di Zona che oggi non esistono più.

Ad introdurre il dibattito il consigliere comunale Sergio Tadi, affiancato dai consiglieri Francesco Staltari e Salvatore Zireddu. Un “salotto” con i cittadini senza bandiere politiche, senza simboli di partito, ma pensato solo per ascoltare i cittadini.

I residenti aspettavano l’arrivo di questa iniziativa proprio per avere la possibilità di esporre le diverse problematiche che da lungo tempo affliggono la zona che dicono “sembra essere dimenticata dall’amministrazione comunale”, fiduciosi che la “delegazione” presente ieri sera nella sala al completo della Trattoria Torretta, possa presentare le loro rimostranze in Palazzo Broletto, affinchè vengano vagliate e possibilmente soddisfatte nelle esigenze più contingenti.

Ad emergere dal dibattito pubblico sono state soprattutto le varie questioni riguardanti le condizioni viabilistiche e urbanistiche in cui versa questa periferia: dal manto stradale di viale Milano in condizioni pietose da diverso tempo, alla scarsa manutenzione degli alberi, dalla mancanza di segnaletica e il pericolo derivante dalla velocità dei veicoli che corrono lungo questo tratto di città al transito dei mezzi pesanti che, con le loro vibrazioni, stanno mettendo a serio rischio anche le strutture delle abitazioni: “in casa ho le crepe ormai, cosa si aspetta accada qualcosa di grave?”. “Gli anziani non riescono più nemmeno ad uscire per buttare l’immondizia perché hanno paura di essere travolte dalle auto”. “La pista ciclabile non è in sicurezza ed è completamente invasa da foglie e detriti vari!”. E via discorrendo.

Durante la serata più di una volta è emersa la necessità e la soddisfazione dei residenti di voler dar voce a questi problemi sulla quale molte volte basterebbe relativamente poco impegno per risolverli o, quanto meno, contenerli. Ed è proprio la carenza di dialogo con le istituzioni un altro aspetto fondamentale che l’iniziativa cerca di evidenziare e di colmare con questa serie di incontri. Per fare un esempio, la recente questione del canile che dovrebbe sorgere in questa zona compresa tra San Grato e Torretta, è piuttosto sentita (vi è un ricorso al Tar con una petizione di una sessantina di residenti) in quanto la struttura risulterebbe troppo a ridosso del centro abitato e comunque pare sia ‘viziata’ da diversi fattori. In effetti, forse, non si conosco quei dettagli che potrebbero far chiarezza su diversi aspetti in merito, ma che servirebbero – dialogando appunto – a raggiungere una giusta soluzione.

Su questa vicenda è stato chiesto proprio ai consiglieri presenti di portare all’attenzione del consiglio comunale e dell’Amministrazione questo loro disagio e, a tale proposito, Sergio Tadi ha voluto rilasciare a Lodinotizie un appello:

«Caro Sindaco Guerini e cari Assessori di Lodi,
ritengo che sia obbligo da parte di una seria amministrazione comunale tenere in considerazione le opinioni dei propri cittadini, cercando di intervenire qualora ci fossero delle perplessità e preoccupazioni così evidenti!

Mi riferisco alla situazione che si è venuta a creare con gli abitanti di un quartiere di Lodi, circa la localizzazione del canile comunale; vorrei spronaVi nell’ organizzare al più presto un incontro pubblico in loco, per spiegare e sottoporre alla conoscenza di tutti, quello che è Vostra intenzione fare ed eventualmente intervenire nei modi più opportuni per rendere la discussione costruttiva e risolutiva per un problema che è sentita da tutti, cioè la miglior vita degli animali!

Cercate ogni tanto di tenere in considerazione maggiormente tutte quelle che possono essere le perplessità e le opinioni degli abitanti che vivono la loro città, le loro case il loro quartiere».

I cittadini a fine serata, visto il positivo dibattito instaurato, hanno richiesto addirittura un secondo appuntamento per avere quelle risposte che si attendono dall’amministrazione comunale.

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl