Milano Area C: -33% di accessi nel primo mese di vita

16/feb/2012 12.06.01 Giuseppe Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

L'Area C di Milano ha realizzato in pieno, se non migliorato, le aspettative del comune di Milano.

Ad esattamente 1 mese dall'entrata in vigore del provvedimento, in sostituzine dell'Ecopass di Morattiana memoria, il numero degli accessi nella cerchia dei Bastioni è diminuito del 33%, con una media di 40mila vetture in meno al giorno ed un abbattimento del numero dei "non residenti" che è transitato sotto i varchi elettromagnetici: circa il 45% in meno.

E per i residenti? la situazione è più rosea di quanto gli stessi residenti lamentano: nel primo mese solo il 5% degli abitanti ha effettuato 15 passaggi (su 18 giorni utili) mentre circa il 30% degli stessi non è mai transitato sotto i varchi: stante questi dati e proiettandoli sull'anno, lo spauracchio di una tassa di accesso obbligatoria per i residenti si ridimensiona pesantemente.

Singolare anche il numero di autovetture che ogni giorno ha attraversato i varchi elettromagnetici: lo 0,9% del totale. 

Di contro, l'incremento dell'uso dei mezzi pubblici si aggira su un +5%, segno del cambio di abitudini dei Milanesi.

Un successo quindi, se considerato nella piena accezione del nome: Congestion Charge. 

Come invece ci si attendeva, nessun risultato apprezzabile dal punto di vista dell'inquinamento: l'Area C non blocca il PM10 che viene generato, senza sosta,nel resto della città è nella circonvallazione interna sempre più congestionata.

 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl