13 luglio, QUANDO IL FUNK SPOSA ‘I QUEEN’: PAOLO FAVINI PORTA SUL PALCO GRANDI MUSICISTI, SPECIAL GUEST CHRIS COLLINS

30/giu/2017 09:51:48 Ufficio stampa Lainate Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.

‘Funk the Queen’

Giovedì 13 luglio, ore 21.30

Teatro Naturale
Villa Visconti Borromeo Litta,             

l.go Vittorio Veneto, Lainate (Milano) 
Ingresso: 10 euro, ridotto 8 euro (under 14, over 65 e gruppi minimo 10 persone)

Possibile acquisto in prevendita su www.midaticket.it             

 

 

Paolo Favini Sax Tenore e Arrangiamenti

Chris Collins Sax Alto Special Guest

Rudi Manzoli Sax Baritono

Fabio Bau Tromba

Andrea Andreoli Trombone

Dario Spezia Chitarra

Flaviano Cuffari Batteria

 

 

 

COMUNICATO STAMPA

 

30 giugno 2017

Nuova tappa nel calendario della stagione estiva ‘Concerti in Villa’

QUANDO IL FUNK SPOSA ‘I QUEEN’

PAOLO FAVINI PORTA SUL PALCO GRANDI MUSICISTI,

SPECIAL GUEST CHRIS COLLINS

 

 

Il cartellone dei Concerti in Villa si arricchisce di altri big. Il lainatese Paolo Favini, noto ‘in patria’ ai più per il tradizionale appuntamento benefico dedicato all’orfanotrofio boliviano di Potosì, fuori Lainate per la sua presenza fissa tra i musicisti che accompagnano i programmi di Crozza, il 13 luglio, nel teatro naturale di Villa Litta, Favini porterà sul palco tanti artisti di livello uniti da ‘Funk the Queen’, un progetto discografico che nasce dalla fusione di due sue grandi passioni: l'arrangiamento funky style e la musica dei Queen.

La prima passione è sfociata nel 2006 con la stesura del metodo "Fiati in sezione" redatto insieme all'amico e collega Dario Cecchini; la seconda nel 2014 con la nascita del progetto discografico "Funk  the Queen" che prevede 9 brani in totale, 8 tratti dalla discografia della rock band inglese che Favini ha arrangiato in chiave tipicamente "Funk" per 5 fiati, chitarra e batteria, e una composizione in memoria a Freddie Mercury.

 

“In questo disco - dice Favini - ho voluto coinvolgere alcuni degli amici/colleghi che in questi 30 anni di attività si sono distinti per la loro professionalità e per il calore umano che mi hanno trasmesso in ogni occasione di lavoro insieme, come il saxofonista Dario Cecchini co-autore con me del libro "Fiati in Sezione"; il batterista Flaviano Cuffari storico batterista della mitica Orchestra Ritmo Sinfonica Rai di Milano; il trombonista Massimo De Domenico con il quale ho condiviso molti palchi nell'ambito dei musical; il giovane ed energico "Lead Trumpet" Fabio Bau mio compagno di sezione nella seguitissima trasmissione TV "Crozza nel Paese delle Meraviglie"; il talentuoso chitarrista Dario Spezia del quale sono rimasto colpito per la sua maturità e serietà professionale nonostante la giovanissima etá!”

 

La cieliegina sulla torta di questo progetto musicale è rappresentata dalla caratura dello ‘Special Guest’ Chris Collins al sax alto. Collins è un jazzista professionista che ha girato il mondo: il Giappone, il Sud Africa, l’Europa, la Cina e il Nord America come leader delle proprie formazioni e come solista. (VEDI BIOGRAFI SOTTO).

“É un enorme piacere e soddisfazione per me aver realizzato questo progetto musicale, che ha preso forma grazie alla collaborazione di tutti i musicisti che ne fanno parte, che hanno creduto in questo originale e interessante accostamento tra il rock dei Queen e la mia passione per l'arrangiamento funk! Non ci resta che dire...."Funk  the Queen"”, chiosa Favini.

 

 

 

BIOGRAFIA:

Christopher Collins, nato a Detroit, ha intrecciato insieme la sua carriera di performer globale con l’impegno per la promozione della sua città natale e la sua potente eredità jazz. Collins è da oltre 20 anni professore e direttore del Jazz Studies presso la Wayne State University (uno dei più antichi programmi di laurea in Studi Jazz negli Stati Uniti.) Dal 2011, Collins è direttore artistico del Detroit Jazz Festival (Il più grande festival di free jazz al Mondo) e leader dei Detroit Jazz All-Stars e Detroit Jazz Fest Orchestra.

Il suo lavoro in questi ruoli ha raccolto il plauso internazionale per la sua originalità, ha meritato la reputazione tra gli artisti più importanti, e l’ha visto come tutor di artisti emergenti, e creatori di programmi di livello mondiale, che stanno hanno rivoluzionato i parametri di riferimento nella comunità jazz.
Collins è richiesto come collaboratore e creatore di nuove opere. I suoi sforzi recenti includono la prima mondiale di Danilo Perez Detroit Panama Mondiale Suite, Jazz from Shamrock Shore, The Detroit Torino Urban Jazz Project, e la premiere nordamericana Hommage to Pat Metheny: una celebrazione di Eberhard Weber.

Ha suonato con importanti formazioni e artisti tra cui la David Berger Orchestra, Marcus Belgrave, la Phil Collins Big Band, Red Rodney, Doc Severinsen, Mel Torme, e vari artisti come i Motown, Lou Rawls e la Detroit Symphony Orchestra. Si è esibito in numerosi festival jazz tra cui: Cork (Irlanda), Montreux (Svizzera), Pori (Finlandia), Nizza (Francia), MiTo (Italia), Detroit (USA) e Glasgow (Scozia).Ha inciso registrazioni commerciali e colonne sonore di film, tra cui la colonna sonora del premiato “The Big Serie Night “, e la televisione tra cui Leverage and The Librarian. Ha composto musiche originali per spettacoli teatrali, spot pubblicitari e film.

Abbracciando la missione urbana del Wayne State, e cercando al contempo di fondere la street-school con la disciplina del mondo accademico, Collins ha avviato numerosi programmi innovativi, tra cui l’aggressiva serie di guest artists JazzWeek @ Wayne, il progetto New Jazz Infusion, Il concorso Detroit Youth Diva, e significative collaborazioni e iniziative di raccolta fondi di successo per l’università, la regione di Detroit, e il panorama musicale in generale. Ha presentato numerosi workshop e corsi residenti in tutto il mondo, tra cui presentazioni presso Ishimori a Tokyo in Giappone, il Museo dello Strumento musicale a Quarna in Italia, la Conferenza Jazz Educators a Durbin �“ Citta del Capo, e Grahamstown in Sud Africa, l’Università di Strathclyde a Glasgow in Scozia, e in numerosi convegni nazionali sul jazz, il sassofono, l’improvvisazione, la composizione e l’arrangiamento Jazz, il jazz nell’educazione. Ha anche contribuito alla redazione di libri accademici e di diversi articoli per riviste di jazz tra cui cover stories su Joe Lovano, Chick Corea, David Liebman, e Joe Zawinul.

 

 

Per la stampa:                                                                                  

Idee e Parole                                                                                        

Paola Busto, ufficiostampa@comune.lainate.mi.it                                            

Mobile 333 2162119                                                                               

 

Giulia Leone, giulia.leone@idee-parole.it                                                          

Mobile 347 9830985       


P Evitate di stampare questo messaggio, se non ne avete reale necessità
blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl