La polemica sui Kebab

23/apr/2009 02.05.38 Criseo Contatta l'autore

Questo comunicato è stato pubblicato più di 1 anno fa. Le informazioni su questa pagina potrebbero non essere attendibili.


La polemica sui Kebab

La polemica politica infiamma Milano sulla nuova disposizione sui Kebab, aperti tutta la notte e fonte di disturbo per i residenti, in realtà la nuova disposizione è esclusivamente di natura politica contro gli extracomunitari, tanto per cambiare.
Logicamente non si poteva cambiare la normativa su un genere di locale ed è quindi stata estesa a tutti gli esercizi commerciali imponendo l’orario di chiusura all’una di notte di gelaterie, pasticcerie, pizzerie d’asporto, rosticcerie, piadinerie, yogurterie, panzerotterie, take away e similari.
 Secondo quanto riportato da Repubblica.it, i promotori della legge, Daniele Belotti e Carlo Saffioti, hanno rilasciato la seguente dichiarazione: "Se un cliente mangia il gelato in piedi o seduto su una panchina pubblica all'esterno della gelateria può tranquillamente continuare a farlo. Se mangia il gelato al tavolino, sotto un gazebo o all'interno di dehors installati dal titolare della gelateria, allora è vietato”
Altra cosa oscura!
Le ns. considerazioni sono ampie e di varia natura: economiche, politiche,sociali e culturali.
Una grande città vive anche di notte, ed oggi sono tanti i lavoratori turnisti che escono dal lavoro e magari si mangiano ( si mangiavano ) una pizzetta con i colleghi, oppure i giovani che escono e rientrano tardi.
Capiamo la necessità dei residenti di poter dormire, ma in ogni cosa ci deve equilibrio e buon senso, trovando una soluzione equa e ragionata, ascoltando le categorie interessate.
La soluzione trovata mette in difficoltà i piccoli bar e pizzerie oltre ai Kebab, e non vorremmo ci fossero risvolti negati anche per i lavoratori del settore, che oltre alla crisi risentirebbero dell’orario di lavoro accorciato.
Pensiamo poi alle persone con poche possibilità economiche che si accontentano di una pizzetta in piedi pur di stare in compagnia, perchè non possono permettersi di andare al ristorante o in pizzeria.
Queste iniziative rischiano solo di impoverire Milano, relegandola a cittadina di provincia e territorio per pochi privilegiati che possono permettersi locali grandi e dispendiosi.
Giuseppe Criseo, responsabile regione Lombardia Cosnil
sito www.lombardia-cosnil.it
mail: aeroportomalpensa@gmail.com
tel.347 3142298


 

blog comments powered by Disqus
Comunicati.net è un servizio offerto da Factotum Srl